martedì 2 agosto 2011

Quale è la città che da più problemi a badanti e famiglie?

Credo ognuno scelga la propria città non conoscendo quello che succede in tutte le altre.
La vita è difficilissima per chi vuole regolarizzarsi e per i datori di lavoro che vogliono essere in ordine con tutte le loro carte.
Si comincia ad intendersi poco con i patronati dei sindacati. Poi l'Inps non concorda mai con i valori paga oraria di chi fa i conti da provetto commercialista. Scaricare il MAV per il pagamento dei contributi non è la cosa più facile senza poi contare il mercato bestiame che si ha la sensazione di vedere negli uffici SUI.
Non serve a nulla il buonismo dell'accoglienza sulle coste se poi si imprigionano a terra gli immigranti.
Loro fuggono già dalle carceri dei loro paesi.
L'osso più duro sono i comuni. Si va dalla domanda di ospitalità confusa con la residenza o l'affitto, per poi inserire nello stato di famiglia dell'assistito anche la badante.
La cosa più difficile che mi è capitata però è la residenza e lo stato di famiglia della badante. I comuni sembrano restii ad accettare immigranti sul proprio territorio. Non sembranno volere nemmeno quelli che sono utili alla propria comunità.
Oggi è 2 Agosto e devo ancora sentire l'assessore alle politiche demografiche e il sindaco. Gli altri vanno per conto loro, senza una guida certa. Credo si impegnino a creare difficoltà a tutti L'ultimo tentativo di riaprire una pratica per la richiesta di Residenza credo sia di inizi Maggio.
Vigili sentiti 5
Addetti Uff. Anagrafe 2
Giornale locale scritto 2 volte
portinai 2 (uno mi ha detto che non mi poteva dire il nome della responsabile dell'Anagrafe per la privacy).
Mi hanno persino detto perchè ho assunto una persona di una nazionalità che di solito non fornisce badanti.
Addette all'indirizzo uffici comunali 4
Io mi vergogno di essere italiano.







11 commenti:

  1. Amelia (qui Sassari a voi studio)4 agosto 2011 09:34

    Tutte le città sono uguali. Lo Stato è sempre più lontano e barricato a distanza dalla realtà di noi cittadine (soprattutto isola le donne)

    RispondiElimina
  2. In Italia è così, se cerchi di essere in regola trovano gli errori nella regola che applichi. se sei latitante e non risulti da nessuna parte non ti trovano, ma il peggio è che nessuno si preoccupa di cercarti.

    RispondiElimina
  3. tutto il mondo è paese dove abito io il mercato si fa nella piazza del comune e le impiegate trovano del tutto naturale andare a fare compere e lasciare sguarniti i loro posti di lavoro.

    RispondiElimina
  4. meglio non avere a che fare con lo stato lapidano e non danno nulla

    RispondiElimina
  5. meglio essere in regola che pagare due volte e finire con una penale che prevede anche l'arresto.

    RispondiElimina
  6. questa crisi è colpa di uno statalismo farraginoso, costoso e inutile.

    RispondiElimina
  7. basta non avere a che fare con lo stato e tutto fila liscio.

    RispondiElimina
  8. Devo dire ad Anonimo che purtroppo dalla nascita alla morte non puoi fare a meno di avere a che fare con lo stato e tutto fila storto.
    Che pena questo povero Paese.

    RispondiElimina
  9. Ambra, non buttarti giù così, su un po' di ottimismo. Se non andremo avanti andremo indietro, oppure, con un po' di fortuna staremo fermi.

    RispondiElimina
  10. nazionalità che fornisce badanti? ma badante non è fornitura di cartone!

    RispondiElimina
  11. delle volte le "autorità" o quelli che dovrebbero far rispettare le regole sono i primi ad infrangerle.

    RispondiElimina

Quando un singolo post ha oltre 200 commenti, quelli eccedenti i primi 200, non vengono subito visualizzati. Per leggerli tutti è necessario cliccare qui sopra (quando viene inserito) il link:
"Carica altro..."