sabato 27 febbraio 2016

la badante non vuole lasciare la casa

Alla morte dell'assistito può capitare che la badante non voglia lasciare la casa. Che abbia lì la residenza o meno non ha importanza e comunque non ha alcun valore o titolo. Capita invece che la badante pretenda la casa per aver passato gli ultimi anni con l'assistito, oppure più semplicemente non sappia dove andare, dall'oggi al domani, se questa è straniera. Sarà opportuno cautelarsi contro ogni pretesa all'atto dell'assunzione. Non perchè se non lo si mette per iscritto le pretese possono essere giustificate ma perchè si potra farlo capire alla badante più semplicemente. La badante deve lasciare la casa alla fine del preavviso in ogni caso, e dovrà lasciare la casa subito in cada di preavviso pagato senza che il datore di lavoro pretenda che sia lavorato o in caso di licenziamento in tronco per giusta causa (la morte costituisce giusta causa perchè venendo a mancare uno dei due contraenti del contratto questo è di fatto risolto). Va tenuta in considerazione altra cosa in caso di badante extracomunitaria. In caso la badante extracomunitaria venga licenziata e successivamente perda il permesso di soggiorno, lo Stato potrà rivalersi sull'ultimo datore di lavoro per le spese di rimpatrio (lo Stato Italiano, NON la badante).

26 commenti:

  1. ciò non toglie che la famiglia possa essere ragionevole e comprenda che una straniera non può trovare lavoro dall'oggi al domani e che nemmeno può essere pronta a partire per la sua patria il giorno del funerale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici? Una straniera trova più lavoro rispetto ad un cittadino italiano... parlo per esperienza diretta, da cittadina albanese lavoravo, da cittadina italiana sono a casa... bahhhhh finchè lo stato incentiva le imprese ad assumere gli stranieri lasciando a casa gli italiani siamo messi male.

      Elimina
    2. perchè dovrebbe incentivare ad assumere stranieri piuttosto che italiani, che differenza fa??? che tipo di incentivi diversi da???

      Elimina
  2. Come fa un badant a truva casa dopo un giorni. Mettete cervello inda vustre decissioni

    RispondiElimina
  3. Chi fa questo lavoro sa che è un lavoro a breve termine, si prende una badante nella maggior parte dei casi per NON autosufficienti ANZIANI. La badante deve essere sempre pronta a un evento tragico come lo sono i famigliari.

    RispondiElimina
  4. Anche voi se vi lascia cosi in breve tempo quando siete in ferrie /sarà una meraviglia! !!!anche lorono hanno diritti.sono umane anche le badante!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi decide di fare questo lavoro sa che ci sono delle regole. Anche la badante può lasciare il lavoro da un giorno all'altro e la famiglia lo sa per questo sempre più gente si rivolge alle cooperative. Quando la badante se ne va non si preoccupa dei problemi della famiglia.

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Si ma la badante come fa ???ah scusa e brava solo per lavori e che bada il suo famigliare/anziano.e voi siete tranquilli.se e posibile a fare anche per gli altri qualche servizio..ovvio gratis che mangia e dorme a casa vostra! !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa dovrebbe fare una famiglia ? Tenersi una dipendente in casa a fare nulla, pagarla e dargli da mangiare gratis? Lo stato paga già la disoccupazione alle persone senza lavoro.

      Elimina
  7. Se una fabbrica chiude il lavoro è finito

    RispondiElimina
  8. Salve, é sicuro di quello che dice? Ha delle fonti giuridiche certe? Perché la badante di mio zio deceduto e residente e non vuole andarsene ne cercare un altro lavoro, i carabinieri dicno che non possono farci nulla, gli avvocati che bisogna iniziare una causa civile. Puó chiarire le fonti?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che sia una badante o uno che vede una casa in ristrutturazione senza porte e ne mette una lui, non fa differenza e la cosa si complica se la badante o l'occupante abusivo è incinta. La stessa cosa capita a chi affitta regolarmente la casa ad un anziano, questo assume una badante, l'anziano muore e la badante non vuole lasciare un appartamento non suo e chi ha ceduto in affitto nemmeno sapeva che li c'era una persona straniera, una badante che aveva stabilito li la residenza (perchè è così che vogliono le norme di vigilanza urbana). Non importa la residenza, a chi sono intestate le bollette e le utenze che peraltro non si possono togliere perchè il rischio è che la badante riallacci il tutto e poi risulti anche titolare delle utenze. Si rischia di passare per persone che affittano in nero l'abitazione. In Italia la legge è forte con i deboli (il proprietario di casa) e debole con i forti (chi ha l'arroganza di occupare). La badante è a tutti gli effetti un'abusiva e come tale va trattata. Dimostrando che la proprietà non è sua ma propria, la non esistenza di un contratto di affitto e dimostrando che la persona era li per lavoro. La residenza può mettere in dubbio le forze dell'ordine che non vanno a buttar fuori di casa chiunque ha un alloggio in affitto in attesa di registrazione ma un giudice non potrà far altro che constatare dietro denuncia le ragioni del legittimo proprietario addossando alla badante sanzioni civili e penali. Di fatto è un reato perchè non c'è titolo all'occupazione.

      Elimina
    2. non esiste proprio è reato, la polizia fatica ad intervenire in metropoli solo perchè li sparano e la malavita è agguerrita e occuparsi di abusivismo diventa impossibile. Nei piccoli medi centri fanno sloggiare le persone e se non vogliono muoversi arrestano per resistenza a pubblico ufficiale. Per abitare in un luogo occorre averne titolo e il decreto legge sull'abusivismo dell'Agosto scorso è a sancirlo. Quando licenziate mandate subito una raccomandata in questura e una in carta semplice all'anagrafe del vostro comune e siete a posto. Loro devono protocollare quello che ricevono e di conseguenza verificare. La residenza della badante resterà a casa vostra per mesi, forse per anni, ma voi sarete dalla parte della ragione. Il cambio di residenza avviene quando la badante la sposta e il nuovo comune ne fa richiesta, però il suo problema soprattutto se extracomunitaria è che se la mettono fra le persone non reperibili non è più in Italia e non riuscirà più ad avere in Italia un lavoro regolare.

      Elimina
    3. Anonimo/a del 21 Aprile 2016 ore 23:54
      No c'è una sentenza o una causa di un tribunale contro badanti che vogliono restare nella casa dove hanno lavorato. Motivo? Dal momento del licenziamento la badante o va fuori di suo o l'arrestano i carabinieri. Non si tratta più di badante ma di abusivismo. Se poi l'anziano è vivo c'è l'aggravante di lesione della volontà dell'anziano, esiste un percolo per la sua incolumità e quindi occorre insistere coi carabinieri facendo una denuncia e con questo parte un meccanismo che può portare al carcere e all'espulsione dall'Italia. Se l'anziano è morto può sempre esserci comunque sempre il pericolo che la badante disponga, venda trafughi cose proprie e quindi va allontanata dalla casa con l'aiuto dei carabinieri. Spesso le badanti prendono case in comune che poi si girano e si subaffittano o prendono da un "pappone". Non se ne vanno da casa vostra perchè altrimenti dovrebbero magari pagare un posto letto ad una connazionale. La forza faccia il suo dovere. Insistete.
      lascio anch'io un link
      da copiare e incollare

      http://www.corrierediragusa.it/articoli/cronache/vittoria/10649-deve-intervenire-la-polizia-per-fare-uscire-la-badante-dalla-casa-di-ultranovantenne.html

      Elimina
    4. Prendere una persona e metterla fuori casa non è bello e non piace farlo a nessuno. Se arrivano i carabinieri, il sindaco o il Papa, diranno tutti di avere comprensione e la cosa peggiore è che preferiranno salvare il delinquente occupante da redimere e da capire che fare giustizia rimettendo al dentro legalità e diritti del malcapitato occupato. Occorre essere più fermi dell'occupante dicendo che l'indomani si cominceranno i lavori di restauro. Una povera indifesa persona sola può benissimo stare a casa dei carabinieri, del sindaco o del Papa. Se si cede subito non si riuscirà più a farla uscire perchè avremo creato su noi stessi un precedente. Ci sono persone realmente in difficoltà ma la stragrande maggioranza non vuole andare a prendersi il posto letto dall'amica che la taglieggia e che già aveva pretese sullo stipendio per avergli segnalato il lavoro. Dobbiamo essere più forti delle ragioni della badante, dei carabinieri, del sindaco e del Papa, nel 99,99% dei casi avremo ragione. Le leggi ci sono, si applichino, altrimenti finiremo col cedere denaro, auto, proprietà della casa ai ladri che se appropriano.

      Elimina
  9. per come siamo messi in Italia, voi potete andare in ferie tornare trovarci dentro altre persone e trovarvi senza chiavi perchè nel frattempo queste hanno cambiato il cilindretto. Non fa differenza con una badante che non vuole lasciare casa vostra. Si fa prima ad arrestare un ladro che buttarlo fuori casa se decide anzichè di rubare di occupare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NON CERCATE MAI DI LITIGARE per riappropriarvi del vostro bene. se la badante non capisce chiamate i carabinieri.Devono arrestarla.

      Elimina
  10. Assumete sempre in regola, motivate chiaramente la richiesta di residenza per la badante a fronte di un contratto di lavoro come assistente familiare convivente. Il Decreto legge 28 marzo 2014, n. 47 del governo Renzi, per contrastare il fenomeno dell’occupazione abusiva degli immobili, ha stabilito che: "Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge". Chi è in affitto e assume una badante è tenuto per legge a chiedere al legittimo proprietario dell'immobile consenso a dare la residenza. Questo vuol dire che adesso chi è in affitto avrà maggiori difficoltà ad assumere una badante se questa gli chiede la residenza.

    RispondiElimina
  11. leggi l'art 633 del codice penale e l'articolo 639.
    Occorre fare attenzione perchè in Italia l'assurdo è che l'abusivo può denunciare il legittimo proprietario nel caso questi tenti di riavere il bene con la forza perchè diventa un esercizio arbitrario delle proprie ragioni. Quindi si passa dalla ragione al torto. Senza contratto d'affitto però diventa difficile per l'abusivo dimostrare titolo di diritto sull'abitabilità della casa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiunque(1) invade [637] arbitrariamente terreni o edifici altrui, pubblici o privati (2) , al fine di occuparli o di trarne altrimenti profitto, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a due anni o con la multa da centotre euro a milletrentadue euro.
      Le pene si applicano congiuntamente, e si procede d'ufficio, se il fatto è commesso da più di cinque persone, di cui una almeno palesemente armata, ovvero da più di dieci persone, anche senza armi [112 n. 1, 585 2]

      Elimina
  12. delle volte può richiedere un po' di tempo riavere l'immobile ma la badante rischia il carcere.

    RispondiElimina
  13. L'Unione Piccoli Proprietari Immobiliari può darti una mano
    www.uppi.it

    RispondiElimina
  14. mettiamoci in testa che tutto è possibile e vi lascio due link da copiare e incollare ma alla badante conviene poco passare ad un'azione del genere perchè anche se non va in galera ha comunque una denuncia che la fa passare da persona pulita a persona pregiudicata in Italia-

    http://www.quotidiano.net/badante-non-vuole-lasciare-casa-anziana-1.918840

    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/abusivi-occupano-casa-quando-rientra-denunciano-violazione-1084744.html

    fate il copia incolla e fatelo leggere alle forze dell'ordine. Perchè a Terni SI e a Milano NI ???

    qui non si sta parlando di case in affitto o di case del comune si parla di proprietà personale.

    RispondiElimina
  15. la badante è stata licenziata da 4 mesi ma non vuole togliere la residenza. Ho inviato al Comune nel momento del licenziamento il fax che dichiaravo che il contratto di lavoro della badante era terminato. mi è stato risposto che per legge tutela la residenza non viene cancellata prima di un anno. Ma vi sembra giusto? voglio accelerare la pratica, anche perché mi dà molto fastidio che tenga la residenza, visto che si è comportata male.!! Serve una modifica alla legge che in questo paese non c'è!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che la cosa dia fastidio posso capirlo ma quale problema può dare? la residenza potrebbe anche restare quella se la badante non ne prende una in un'altra città fino alla scadenza della carta d'identità. La cosa importante e che se ne vada e che il comune sia stato avvisato per non far pagare i rifiuti di chi non c'è più. inoltre comunque le famiglie sono comunque divise quindi anche se volessero soldi delle tasse dovrebbero preoccuparsi loro di averle dalla badante infatti i nuclei famigliari restano divisi perchè non c'è contratto d'affitto e non c'è grado di parentela, inoltre una persona non può togliere la residenza ad un altro altrimenti sarebbe un casino. Residenza comunque non porta in dote nessun diritto.

      Elimina

Quando un singolo post ha oltre 200 commenti, quelli eccedenti i primi 200, non vengono subito visualizzati. Per leggerli tutti è necessario cliccare qui sopra (quando viene inserito) il link:
"Carica altro..."