lunedì 3 ottobre 2011

rapporto badante malato Alzheimer

Un "Alzheimer" non è di facile gestione per nessuno. Forse non esiste badante in grado di accudirlo per tanti motivi, memoria, sbalzi di umore, paure ecc.
La demenza è sempre di difficile gestione e una badante da sola difficilmente riuscirà nell'intento senza spazientirsi mai. E' difficile per un figlio, figuriamoci per un estraneo. Aiuta un po' il "vademecum A.I.M.A." tanta pazienza, dedizione e amore spesso non sono sufficienti oltre a vestiti sempre uguali (i colori delle volte aiutano ad identificare i buoni, gli amici) e rimozioni di barriere o oggetti pericolosi in casa per l'incolumità di tutti.
Quando lo stadio della malattia è molto avanti, forse un istituto realmente specializzato può aiutare meglio tutti, soprattutto se il personale oltre che scrupoloso sul da farsi è anche sensibile e di buon cuore.

23 commenti:

  1. occorre un corso specifico per la badante?

    RispondiElimina
  2. i malati di questo morbo possono anche essere violenti. Sconsiglio il ricorso ad una badante si può finire in vertenze costose

    RispondiElimina
  3. Diosanto che malattia terribile l'alzheimer! E in crescita per di più con l'allungarsi della vita.
    E' chiaro che una badante da sola non può farcela. A naso credo che ci vogliano almeno 3 persone che possano sia sovrapporsi, se necessario, che dandosi il cambio.

    RispondiElimina
  4. quatri di anchi quatri donni

    RispondiElimina
  5. è sempre un problema gestire queste persone

    RispondiElimina
  6. è una malattia per guadagnare senza correre pericoli.
    I parenti cercano di disfarsi di un folle, la cura che si sa essere disponibile non cura ma tiene solo calmi.
    Una miniera d'oro.
    Non si trova un medico con il SSN tutti a pagamento.
    poi dimenticavo, la maggior parte delle visite serve solo per chiedere l'accompagnamento quindi il medico burocrate non rischia nulla in termini di cura sbagliata

    RispondiElimina
  7. per Ambra.
    I malati di Alzheimer generalmente sono tranquilli, diventano però aggressivi quando vengono toccati, quindi quando vanno vestiti, cambiati o lavati.
    In questi casi possono graffiare, mordere, dare pugni, calci, insomma tutto quanto può servire per liberarsi della persona che per loro è un aggressore.
    Certamente occorrerebbero tre persone per assisterli, ma non solo per i malati di Alzheimer, ci sono anziani con altre patologie ancora più difficili da assistere.
    Ma siccome gli italiani sono famosi per essere i più miserabili e sfruttatori del mondo, preferiscono farli assistere da una sola badante in nero a 600 euro al mese o poco più, rinchiusa 24 ore su 24 e 365 giorni su 365, nutrita con pasta e salsa e la roba più scadente che si può comprare nei più economici discount.
    Tanto i calci, i morsi e i pugni se li becca lei. E la cacca spiaccicata sui muri e deposta in giro per la casa la annusa e la pulisce sempre lei.

    RispondiElimina
  8. mio suocero è stato accudito da una persona massimo due insieme. I figli maschi.
    Se fosse stato ricoverato in un ospizio o l'avesse seguito una badante ci sarebbero volute 13 persone contemporaneamente, e sarebbe vissuto un terzo, anche se in quelle condizioni c'è da chiedersi che senso abbia più vivere.
    Le badanti che si vedono in Italia, e che sento descritte nei racconti delle mie amiche, fanno le "pulizie" (molto sommarie) e cucinano piatti pronti. Alcune arrivano a portare il paziente in carrozzina al parco.
    Chiedono soldi e ore libere.
    La maggior parte arriva in Italia pensandololo il paese del bengodi e ritengono loro diritto godersela.
    Una badante a 24 ore non esiste nemmeno se l'avete o credete di averla assunta.
    Mia cugina ce n'ha una che sta tutto il giorno in camera sua a trafficare con cellulari, I Pod, computer, internet.
    Ha messo al collo di mio zio il pulsante di chiamata e fatte le prime tre ore del mattino non si vede più in casa. Guai a fargli osservazione, peggiora il servizio.
    Se potete curatevi voi i vostri genitori.
    Mia cugina ho poi avuto la malaugurata idea di mandare la badante ad un corso di assistente sanitaria. E' tornata a casa solo più sindacalizzata.
    Si mangiano i risparmi di una vita e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si non vi convieni di badante straniere prendete una italiana et vedeti si acceta a essere maltratata et sputata sempre di vostri genitori per un stipendiu di niente et voi fatte patronii e noi schiavi

      Elimina
  9. un nostra vicina aveva il figlio che si faceva le Domeniche da lei. Durante la settimana veniva una badante minuta. Parlava poco e faceva poco. Tutti giorni veniva una specie di infermiera per lavarla e tutti i pomeriggi veniva una infermiera professionale a farle un'iniezione.
    La badante o quella che "faceva presenza" non voleva imparare nulla né in cucina né con i detersivi.
    Ditemi poi voi dove sono le badanti che lavorano 24 ore consecutive.
    Ne ho avuta una.
    Ho sempre pagato tutto, contributi, malattie, viaggi, tasse (le sue da pagare) ore straordinarie e poi mi sono ridotta a pagarla 54 ore settimana e a servirmene solo quando non c'ero, due giorni e mezzo alla settimana massimo tre.

    RispondiElimina
  10. Se non vedete le badanti che lavorano 24 ore, è proprio perchè sono chiuse in casa.
    Non capisco come potreste vederle, forse quando stendono i panni.
    Le straniere sono quasi tutte rinchiuse 24 ore su 24, altrimenti nessuno le vorrebbe.
    Se si dovesse rispettare il contratto sarebbo meglio assumere le italiane, e non una straniera che spesso non capisce una parola e non sa cucinare niente.

    RispondiElimina
  11. e qual'è il contratto da rispettare?
    un livello CS vale 900 euro mese, per 54 ore settimanali di lavoro e il resto di presenza.
    Parlo di badante convivente.
    ... o c'è un altro contratto per le italiane???

    RispondiElimina
  12. il resto di presenza te lo sei inventato tu, quando uno finisce di lavorare può uscire e tornare l'indomani, o invitare il marito in casa o l'amante o chi gli pare, se invece è obbligato a stare lì con un vecchio che scorreggia e sputacchia si chiama lavoro e va pagato come straordinario.
    perchè non ci vai tu a fare lo schiavo invece di fare il furbo con la libertà degli altri?
    convivente significa che abita lì, e per questo pure paga con un orario settimanale più lungo, e secondo te dovrebbe fare la schiava agli sfruttatori come te?

    RispondiElimina
  13. Mi permetto di inserirmi nella vostra discussione ma la convivenza, per il contratto badanti come per i custodi di ville, si intende lavoro più presenza.
    La presenza ha una contropartita che è il vitto e l'alloggio.
    Se la badante o il custode di una villa finite le loro 8 ore vanno dove vogliono perchè un datore di lavoro dovrebbe pagare uno stipendio più alto, dare una casa (foresteria) o una stanza e il vitto mattino mezzogiorno e sera?
    Queste persone quando hanno finito il lavoro vadano dove vogliono a mangiare e a dormire. Però questo è il lavoro di una Colf.
    Trattandosi poi di un lavoro. Il custode di una villa può ricevere gente nel suo alloggio ma essendo la badante un lavoro che prevede l'uso degli stessi servizi (gabinetto, doccia, cucina ecc.) della stessa abitazione mi viene difficile pensare che si possa ricevere amanti in casa o svolgerci altre attività.
    Comunque il mio problema l'ho risolto prendendo in affitto un appartamentino attiguo al mio.
    Mi sono messo in tasca i 17 mila € che spendevo della badante e con 6 mila € di affitto, mia madre la curo da me.
    I contratti sono contratti e vanno rispettati da ambo le parti e quando sono troppo pesanti per una parte e non c'è più convenienza si perde il lavoro.

    RispondiElimina
  14. Appunto, i contratti sono contratti e bisogna leggerli, invece di scrivere fesserie in malafede, perchè sicuramente Laura lo sa che ha scritto fesserie.
    Il vitto e l'alloggio la badante convivente li paga a caro prezzo, infatti la sua retribuzione mensile e oraria è inferiore mentre l'orario è maggiore, 40 ore settimanali per la badante non convivente e 54 per la badante convivente.
    In altre parole se 54 ore settimanali di una badante convivente costano 800 euro, le stesse ore fatte da una badante non convivente costano il doppio.
    Ma è chiaro che per gli sfruttatori e gli schiavisti italiani, il fatto di guadagnare la metà per ripagarsi il vitto e l'alloggio, che spesso consistono in porcherie vecchie da mangiare e un letto nella stessa stanza del vecchio e un bagno in comune a volte senza neppure l'acqua calda perchè lo scaldabagno consuma ed è meglio tenerlo spento.
    Oltre a pagarla la metà e nutrirla e ospitarla peggio di un cane, è meglio sfruttarla per tutte le 24 ore, obbligandola a stare in casa ad aspettare che il vecchio la chiami perchè si è cagato addosso, ovviamente senza ricevere nessuno e privandola della sua intimità e libertà.
    Siamo ad un livello peggiore della schiavitù dei negri, infatti i negri delle piantagioni avevano un orario di lavoro, un proprio alloggio, e in questo alloggio facevano quello che volevano e avevano anche il diritto di farsi una famiglia e di ospitare gli altri schiavi.
    Insomma, è proprio il caso di fare i complimenti a Laura e a quelli come lei, che dalla storia non hanno imparato nulla.

    RispondiElimina
  15. La vita di una famiglia che ha un anziano ammalato è già molto difficile.
    Perchè tanto accanimento contro un contratto approvato da tante sigle di categoria?
    Il contratto può non piacere ma quello di convivenza a 54 ore richiede la presenza passiva notturna, ma prevede anche qualche aiuto saltuario se necessario da pagare come straordinario o a recupero ore (vale solo per chi rispetta il contratto).
    E' un lavoro non adatto ad una italiana che ha famiglia è adatto invece a chi non ha una casa e cerca una temporanea sistemazione senza pagare nulla quindi nemmeno il vitto.
    Fare la badante non è come fare un lavoro in catena di montaggio.
    Se il contratto non piace basta aprire una bancarella al mercato e fare altro. Perchè ostinarsi a voler far diventare un contratto qualcosa di impossibile o diverso da quello che è scritto. Questo lavoro sparirebbe.
    A chi non va basta che vada a cercarsi un altro lavoro.
    Sono convinta che questo lavoro stia pian piano sparendo. Prima era troppo in nero ora con tutte le regole e i balzelli diventa sempre meno accessibile per le famiglie normali.
    Gli anziani di una famiglia media se tutto è andato bene nella vita hanno la casa e qualche decina di migliaia di Euro. Il mondo non è pieno di avvocati e professori. La maggior parte è fatta di operai che non possono nemmeno permettersi un'ospizio e devono andare a chiedere aiuti al comune di residenza.
    Non credo sia sfruttamento, penso sia offrire quello che si può in cambio di quello che si spera.
    Ho cambiato tre badanti, ne ho avuto a sufficienza. Per me il capitolo badanti in casa, nazionali che poi organizzano party Avon con le famiglie o straniere che fanno le escort è terminato.

    RispondiElimina
  16. le badanti italiane o straniere che siano sanno fare le pulizie. Più o meno bene a seconda del grado di istruzione e ceto dal quale provengono. Se sono pasticcione e sporche a casa loro faranno peggio in casa d'altri.
    Anche le badanti formate in corsi regionali gratuiti, non imparano nulla. Non sanno fare con oi propri famigliari quindi faranno peggio in casa d'altri. Moralmente se non riescono a stare vicine ai loro cari togliamoci dalla testa che sappiano stare vicine ai nostri.
    In casa si può aver bisogno di una donna delle pulizie o una dama di compagnia (anche se è la peggior sanguisuga che si possa trovare.
    Ognuno si curi da se i propri cari ed eviti persone che hanno solo in mente soldi e contratto. Al massimo quando serve prendete ad ore un'infermiera professionale.
    Sappiate poi che chiunque vi entrerà in casa non baderà al risparmio quindi saponi, polveri, bucato, luce, gas, diventeranno al pari di beni di stato da consumare in allegria. Il cestino sarà pieno di tutto ogni giorno mentre la stessa cosa succederà al vostro congiunto la cui cura diventerà un optional.

    RispondiElimina
  17. Il contratto parla chiaro e ci sono vari livelli e tipi di lavori con diverse professionalità delle assistenti all'anziano.
    Chi ha un contratto ad ore quasi sempre ce l'ha a tempo determinato quindi è più pagato ma meno sicuro di avere un lavoro fisso. Chi ha una paga mensile (anche su base oraria) fa lo sconto in cambio di maggior garanzia di lavoro. Come un medico quando lavora fisso in ospedale prende molto meno di quando fa visite private

    RispondiElimina
  18. Questa malattia è un vero problema. In famiglia non si riuscirà mai ad accettare la demenza perchè e di questo che si tratta e siu cercherà di instaurare un dialogo sempre più impossibile e con una persona cara sempre più lontana da tutto.
    Non ci vuole una o due o tre badanti, ci vogliono strutture specializzate dove le persone fanno questo di professione e si alternano con distacco.
    Si rischia l'equilibrio mentale di tutti.

    RispondiElimina
  19. un anziano anche pazzo non riconoscerà mai in una badante una persona che lo aiuta, al massimo una persona che lo ignora

    RispondiElimina
  20. Una persona con l'Alzheimer, dimentica tutto, soprattutto chi mena e quanto lo mena

    RispondiElimina
  21. Non sono mai riuscita a trovare una badante onesta e non parlo dei vari furti o degli invitati a casa dell'anziano che le badanti estendono a persone, amici e amanti, tutti banchettanti alle spese del malato; non parlo dell'uso scellerato del telefono e degli elettrodomestici o della scarsa igiene; parlo del delitto più grave e vergognoso: tutte danno ai malati medicinali, tranquillanti o altri veleni, di loro iniziativa e ovviamente senza informare ne il malato ne le famiglie. Lo fanno incuranti delle condizioni di salute dell'anziano e delle inevitabili conseguenze che questo tipo di somministrazioni avrà. Il loro scopo è di viver bene a casa del vecchio e a sue spese, se poi il vecchio decade sempre di più la colpa vien data alla malattia e i delitti delle badanti restano impuniti sotto gli occhi indifferenti di tutti. E' una vera vergogna in una società che si dice sensibile al diritto alla vita (vedi soccorsi ai migranti, aiuti alle popolazioni africane, ecc). E ciò che rende ancora più vergognosa la cosa è che tutti sanno di questo scandalo e fingono ingenuità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione è successo così anche a me e me ne sono accorto solo perchè ho passato a casa dei miei due giorni per vedere se le cose funzionavano correttamente. La realtà e che questo succede anche in ospedale e troppi infermieri ormai non danno più nessuna importanza ai malati. C'è un decadimento civile impressionante eppure tutti dovremmo capire che finirà per tutti così anche per i medici distratti impegnati con i loro suv e le loro vacanze da pubblicare su facebook

      Elimina

Quando un singolo post ha oltre 200 commenti, quelli eccedenti i primi 200, non vengono subito visualizzati. Per leggerli tutti è necessario cliccare qui sopra (quando viene inserito) il link:
"Carica altro..."