martedì 30 novembre 2010

la badante convivente può uscire la sera?

di norma no a meno che le venga accordato il permesso dal datore di lavoro o da chi segue i rapporti tra badante e assistito. La badante ha due ore libere al giorno che "spezzano" il lavoro di 10 ore del suo turno.
La sera deve garantire la presenza per l'assistito altrimenti non sarebbe più una convivenza.
 La convivenza è uno stato a favore dell'assistito perchè non resti solo. La convivenza ha come contropartita uno stipendio più alto rispetto a una non convivenza.

106 commenti:

  1. la badante convivente perchè deve stare in casa la sera?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se vuole uscire la sera va a casa sua a dormire. Dare alloggio non è obbligatorio

      Elimina
  2. Se un giorno lavorativo dura 10 ore, perchè la badante deve stare a casa dopo 20.00 gratis? E anche notte non si pagano. Con una stipendia 885 per 54 ore la badante deve rimanere 24 ore???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché è BADANTE CONVIVENTE E A TEMPO PIENO NORMALMENTE PER ANZIANI NON AUTOSUFFICENTI (LE VIENE DATO VITTO E ALLOGGIO GRATIS) è PREVISTA ASSITENZA 24 ORE ....ALTRIMENTI Perché TI VIENE DATO VITTO E ALLOGGIO GRATIS SECONDO TE?

      Elimina
    2. rispondo un po' in ritardo ma magari è utile per qualcun altra. La badante non è obbligatorio abiti a casa del suo assistito. O ci abita e allora è convivente o non ci abita e allora non è convivente. Se a una famiglia serve una persona che presenzi anche la notte prenderà una persona che accetta la convivenza. Convivenza e poi fare quello che si vuole una volta assunti vuol dire prendere in giro la famiglia.

      Elimina
    3. se una badante vuole abitare presso il suo assistito ma andare e venire quando vuole va bene basta paghi l'affitto e si paghi i suoi pranzi

      Elimina
    4. Scusate!ma se una badante prende 956€ più vitto e alloggio; ma tolgono 60€ x contributi e 141€ per vitto e alloggio...ma ke stipendio e?!e lavora dal 6 di mattino fino a mezzanotte cn suoi 2 ore di riposo. Poi dicono ke tanto sei qua x cucinare Anke x te..ma Anke x tutta la famiglia. Io non credo ke e giusto togliere dello stipendio i 141€ e i orari neanke.cosa pensate voi?

      Elimina
    5. 956 (circa) Euro di stipendio, è giusto (livello CS a 54 ore immagino).
      60 (circa) Euro di contributi, è facoltà del datore di lavoro, pagarli lui stesso, o lasciare come è nella regola che li paghi la badante e quelli sono soldi che in parte serviranno a te quando tu resterai senza lavoro e l'INPS ti pagherà la disoccupazione.
      141 (circa) Euro immagino siano quelli che intendi come contributo per vitto e alloggio.
      Ma quelli che centrano? Mica te li tolgono, anzi se vai in ferie te li danno.
      Lo stipendio è formato dai 956 Euro PIU' 141 Euro, quindi 1.097 Euro che però non prendi perchè i 141 Euro sono pagati in natura (in materia) cioè con vitto e alloggio.

      Elimina
    6. Voi siete matti! Una famiglia si deve dissanguare per pagare la badante? Dov'è l'equità di queste regole che vi inventate qui?

      Elimina
    7. E' proprio per equità che ci sono queste regole MINIME nel Contratto Nazionale. Le tariffe sono state concordate come le ore di lavoro da fare. Secondo me una badante non può farsi carico dei problemi economici della famiglia. Chi vuole un servizio lo paga e se non ha soldi si arrangia in altro modo. sempre secondo me una famiglia non può e non deve farsi carico dei problemi di una badante. Chi chiede un servizio lo paga e chi è chiamato e pagato per fare quel servizio se vuole lo fa e altrimenti se ne sta a casa a fare la calza.

      Elimina
    8. Ma la ragazza prende in mano 885€..piu o meno..dalei tolgono ql 141€..x cibo e alloggio..cmq secondo me tutti dobbiamo provare fare la badante prima ke giudichiamo...

      Elimina
    9. Non ho capito. Se prende in mano 885 Euro chi gli toglie 141 Euro?

      Elimina
    10. Quante storie!
      Qual è la famiglia che chiede i soldi per mangiare?
      Noi paghiamo alla badante, che non si ammazza certo di lavoro, anche i 60Euro dei suoi contributi. Non è mai contenta e avanza sempre pretese. Abbiamo due problemi al posto di uno e tanti mal di testa in più.

      Elimina
    11. 885-141=744
      Ne prende 885 o 744 ???

      Elimina
    12. Io pago 1100 € di contratto + vitto e alloggio e mi stanno esaurendo

      Elimina
    13. Perché 1100 €. In base a cosa paghi questa cifra? E poi paghi anche i contributi a parte?

      Elimina
    14. le badanti provino a fare i datori di lavoro e a tirare fuori i soldi loro e poi avere una che vuole uscire e rientrare quando vuole

      Elimina
    15. Se fate tutte queste lamentele per pagare la badante perché non ve li guardate voi questi vecchi?

      Elimina
    16. non è facile prendere un'estranea in casa e affidargli il proprio genitore, quindi le domande sono lecite. Non è facile rinunciare al proprio lavoro restare senza reddito e vivere senza soldi. una badante che lavora per un po' di anni per una famiglia viene pagata per questo lavoro che si sa dura qualche anno. Le persone non perdono lavoro e se la badante lavora bene con il passaparola troverà subito un nuovo lavoro e anche lei avrà il suo stipendio e i suoi contributi.

      Elimina
  3. Fare la badante non è un lavoro obbligatorio, è una scelta come fare il minatore o l'autista di camion, o il custode di condominio.
    Se una persona per necessità non trova di meglio che fare il minatore, magari sta in miniera una settimana e poi torna in superficie (durante la settimana dorme in miniera).
    Oppure guida il camion e dorme sul camion. Non per questo a nessuno dei due vengono pagate 24 ore di lavoro. E' un lavoro fatto così, che si può accettare o rifiutare.
    Esistono due tipi di contratti principali:
    "convivente" e a "giornata".
    Chi è a giornata, arriva il mattino va a casa a mangiare a mezzogiorno, torna alle quattordici e magari va a casa alle diciotto.
    Oppure lavora ad ore (magari si mette d'accordo per 4 ore al giorno) e va a casa dopo le prime 4 ore e torna il giorno successivo per fare altre 4 ore.
    Se è convivente è perchè gli viene dato alloggio e vitto oltre la paga.
    Perchè altrimenti una persona dovrebbe dare i pasti "gratis" alla badante e l'alloggio?
    Se la badante vuole andare a casa la notte è libera di farlo ma allora non ha più un contratto da convivente ma a giornata e si trova da dormire dove meglio preferisce e mangia a spese sue dove trova i piatti migliori.
    E' come dire che un custode di una villa o di una fabbrica che alla fine delle 8 ore se ne va dove vuole, che custode sarebbe?
    Il contratto di convivenza (vale per italiani o stranieri che accettano di farlo) prevede 10 ore di lavoro, due di riposo ogni giorno in mezzo alle 10 ore (per esempio, 5 ore di lavoro, due di riposo e altre 5 di lavoro). I pasti sono compresi e devono essere sufficienti ad una alimentazione regolare e sana. Finite le ore di lavoro la badante deve (se convivente) garantire la presenza fisica senza lavorare, salvo casi di necessità e di vera urgenza che verranno recuperati con riposo il giorno successivo.
    L'alloggio non è un diritto ma viene dato per poter poi avere garantita la presenza in casa di una persona. Se una badante vuole uscire la sera il datore di lavoro è costretto a prendersi o un'altra badante per la notte o a trovare una badante che accetti il contratto di convivenza.
    La badante poi ha diritto a una mezza giornata di libertà durante la settimana (giornata da concordare prima) e dell'intera Domenica.

    RispondiElimina
  4. Non capisco perchè chi lavora come badante crede sia un suo diritto avere vitto, alloggio e residenza presso l'assistito, pur facendo 8 ore o 10 di lavoro. Io mica mangio gratis mattina e sera e resto in fabbrica a dormire in una stanza mia senza pagare affitto.

    RispondiElimina
  5. scusate ho sbagliato a postare la domanda e non so come si cancella.
    Rimetto qui la domanda:

    Non mi è chiaro il discorso. L'alloggio va dato o no? Voglio dire, se la badante segue un mio genitore durante tutto il giorno devo dare l'alloggio?
    Per giorno intendo dalla 7 di mattina alle 7 di sera quando sono assente da casa per lavoro.

    Anna e chiedo scusa di nuovo.
    Grazie di tutto per il chiarimento che potrete darmi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se assumi una persona per il giorno che centra la convivenza cioè il dargli casa?

      Elimina
  6. se la badante alle 7 finisce va a casa sua e non avrà alloggio e vitto la sera. Mentre lo avrà a mezzogiorno e al mattino.
    Gli accordi sono sempre personali. L'alloggio viene dato quando alla badante si chiede presenza notturna.
    La presenza non è lavoro o assistenza operativa, è solo presenza. Con la presenza la badante va a letto e dorme. Se c'è assistenza (lavoro) la badante è sveglia per l'intero turno di notte e assiste nei bisogni il malato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho lavorato nei posti dove nn chiudevo l'occhio la notte,e nn prendevo un soldino di più......beate quelle che dopo 10 ore di lavoro vanno a letto a dormire,ma sono i casi estremi.....con un anziano non autosuficiente che urla tutta la notte,nn sono più 10 ore di lavoro.......è lavoro giorno e notte, poi siamno sempre criticate che abbiamo vito e alloggio, queste ci li da per le loro necesità,nn per le nostre che nn abbiamo dove abitare, nn credo mica che qualcuno se ne frega di noi cosi tanto...

      Elimina
    2. se questo posto parlasse di portinai di condomini con pulizia scale a carico non potremmo confrontare quel lavoro con uno che consegna la posta ed è in giro tutto il giorno.
      Il lavoro che viene chiamato da badate è così ed ha un contratto nazionale che va rispettato da datori di lavoro e da badati. chi non è d'accordo faccia altro o faccia un sindacato per portare le proprie ragioni in sede di contratto nazionale

      Elimina
  7. le badanti vengono qui per lavorare o trovare casa, denaro e Gardaland tutte le sere?

    RispondiElimina
  8. La badante va dove vuole se è a ore. Ma se è convivente non gli è dovuto vitto e alloggio così per scherzare. Quelli sono dati in cambio della presenza durante le ore di riposo. Infatti le ore di libertà sono altra cosa (rispetto a quelle di riposo le ore di libera uscita sono 2 ogni giornata per le conviventi). Oppure no?

    RispondiElimina
  9. Labadante convivente quando tutti sono letto perchè non potere uscire?

    RispondiElimina
  10. se esce quando gli altri sono a letto non è convivente ma è a giornata e mangia e dorme a casa sua.
    Il lavoro della badante convivente prevede la presenza notturna (chi assume una badante convivente lo fa non per fare un favore alla badante ma per avere un servizio).
    Se c'è una badante vuol dire che c'è una persona non autosufficiente (non autonoma) che potrebbe aver bisogno di aiuto anche di notte.
    Se la badante non c'è chi l'aiuta????

    RispondiElimina
  11. E' come fare la guardia notturna e chiedersi: "di notte qui c'è il divieto di sosta perchè passano quelli delle pulizie sulla strada. I ladri vengono solo di giorno ... come i guai, i mali, gli attacchi improvvisi."

    Cosa se la prende a fare uno una badante anche per la notte se poi quella se ne va a spasso? Allora vada a lavorare in una coperativa solo di giorno a fare pulizie

    RispondiElimina
  12. i convivati prendono meno e sono dentro carcere tutta vita. cosa si sta fare di notte in casa?

    RispondiElimina
  13. quante storie per nulla. se è convivente che va a fare fuori? E' come una guardia notturna che va a dormire. Allora lavori in fabbrica a 8 ore di giorno, o a 7 ore su turni e quando gli capita quello di notte chieda permessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. va a scopare.......forse ha anche lei dei bisogni umani ogni tanto,come te.......che stronzi che siete....quanta cattiverie....RAZZISTI.............

      Elimina
    2. cosa centra il razzismo?
      se una persona per qualsiasi motivo accetta di lavorare in miniera sale in superficie quando finisce il suo turno settimanale e dorme sottoterra come i già morti.
      Non è un fatto di razza o di più o meno umanità, è un solo un tipo di lavoro diverso dagli altri.
      Come un marinaio che è un su una nave e torna a casa ogni 6 mesi o un soldato che è un in missione e magari lo ammazzano.Cosa centra l'umanità o il razzismo ?

      Elimina
    3. rispondo a colui che si permette di insultare dando dei razzisti a coloro che non fanno uscire la sera x bisogni personali..ma la badante può soddisfare i bisogni nei gg di riposo.sono intolleranti certi insulti.

      Elimina
    4. secondo me gli insulti servono per capire come è questo mondo e a cosa si va incontro assumendo la persona sbagliata.In questo mondo (badanti famigliari9 c'è di tutto e c'è anche quello dell'insulto, del razzismo e dal credere che in Italia si tutelino con leggi di stato prima i lavoratori e gli stranieri per diritto divino e poi se c'è tempo anche assistiti e datori di lavoro. C'è persino chi crede che il Italia un fantomatico Ente che si chiama Stato e che stampa denaro all'infinito paga le famiglie per dare soldi alle badanti che poi eventualmente dopo aver preso vitto alloggio malattia, assistenza ospedaliera ferie feste ecc. possano in via facoltativa anche lavorare.

      Elimina
    5. Mai più badanti straniere in casa. Badante e Buoi dei paesi Tuoi.
      Il motivo è presto detto applicano in casa nostra il livello di cucina e di pulizia che avevano a casa loro. Non sono loro che si abituano al nostro standard di vita con decoro ma anche con saggia parsimonia, no, anzi loro barbarizzano il nostro mondo e sperperano pensando l'anziano sia un pozzo di san Patrizio sul quale l'unico diritto è quello di sperperare
      Noi cerchiamo una persona che curi il nostro caro mentre non ci siamo e tengano in ordine la casa. Loro cercano solo i diritti del paese del bengodi. Stranieri go home se non volete lavorare come pagniamo noi.

      Elimina
    6. Sono una badante convivente ITALIANA con contratto cat. CS, e lavoro per una persona che mi era statto detto fosse autosufficiente, ovvero :avrei dovuto solo aiutarla nel fare tutto ciò che da sola non era più in grado di fare, come lavarsi, vertirsi , prepararle da mangiare,pulire tutta la casa , lavare i vestiti, farla alzare la mattina e metterla a letto la notte. Il mio contratto è di sei ore lavorative giornaliere, per cui lo stipendio netto non arriva a 800 euro.Ora, in realtà i bisogni sarebbero quelli, ma essendo abituata (lei e la sua famiglia) ad avere solo badanti straniere, hanno pensato(MOLTO ERRONEAMENTE) di potermi "sfruttare " a loro piacimento, la vecchietta cercando di schiavizzarmi con lavori non di mia competenza tipo giardinaggio e orto da coltivare, oltre che chiamarmi di continuo anche per fare cose che sarebbe perfettamente in grado di fare da sola e di conseguenza chiedendolmi una disponibilità continua ogni volta che vuole qualcosa a qualunque ora del giorno (ed è convinta di farmi una concessione lasciandomi le 2 ore CHE MI SPETTANO PER DIRITTO E NON SONO PAGATE dopo pranzo). I figli invece hanno fatto da subito storie perchè mi prendevo le 24 ore consecutive settimanali (da considerare che ho dovuto rinunciare alle altre 12 perchè il posto in cui lavoro non è servito decentemente dai mezzi pubblici (cosa che è stata volutamente tenuta nascosta) per cui non avrei avuto il tempo materiale per stare via 12 ore e rientrare la sera) dicendomi che le "RUMENE" non mancavano mai la sera, e che i giorni di festa per loro sarebbe stato un problema se io fossi andata via in quanto loro lavorano. Il tutto ovviamente senza nessuna retribuzione extra perchè loro di più non potevano pagare visto che il mio stipendio viene dalla pensione della vecchietta che a detta loro non basterebbe... (i figli sono 6 e lavorano tutti..!!!!) .Ora , vorrei rivolgermi a tutti quei carissimi parenti delle persone da assistere che si lamentano delle badanti che reclamano i loro SACROSANTI DIRITTI : vi siete mai chiesti cosa voglia dire passare giornate intere a stare dietro ad una persona che non sempre è facile da gestire, oltre che fisicamente anche caratterialmente..? La mia ad esempio, ma ne ho sentito parecchi, è una persona arrogante , sgarbata, cafona che non fa che ripetere che se tu stai lavorando è solo grazie a lei per cui tu LE DEVI tutto il tuo tempo. Inoltre vorrei chiedervi se vi è mai venuto in mente che se non ci fossimo noi badanti, e non per scelta, ma per necessità, voi probabilmente vi trovereste a passare le vostre giornate e serate e nottate con i vostri "CARI" cosa che ben pochi di voi hanno voglia di fare visto che anche quando siete liberi trovate qualunque scusa pur di non dovervi occupare dei vostri familiari , e lo dico con cognizione di causa visto che nel mio caso è così...Ho avuto anche io i genitori malati, ma non li ho mai abbandonati con estranei! Facevamo turni tra fratelli ci si prendeva dei giorni liberi chi poteva e chi non poteva si occupava di altre incombenze. Ma lasciamo stare questo, non siamo tutti uguali e quindi ok, si assume una badante, e ribadisco BADANTE ! non schiavetta tuttofare senza diritti e con soli doveri. Esiste il contratto nazionale, COMINCIATE VOI PER PRIMI A RISPETTARLO!! E piantatela con questo razzismo nei confronti delle straniere, se vengono da noi a lavorare non lo fanno certo perchè godono a stare lontane dalla loro famiglia, vengono da situazioni di disagi estremi , e voi pensate per questo di essere superiori e di poter pretendere oltre ciò che vi è dovuto!

      Elimina
    7. Anonimo09 dicembre 2013 20:31

      oggi sono stata dall'assistente sociale del comune per vedere cosa mi possono dare. L'unica cosa che nel mio caso potrebbe essere utile è l'ospizio ma i miei lì non li mando. mi sono messa come al solito nei panni di tutti, i miei, quelli dei miei genitori che mi considerano una figlia degenere e mi spolpo per loro, e quello di una badante (io stessa faccio la badante da quasi sei mesi e mio marito pensa a tutto e lascia a me solo i contatti col medico e ospedali e seguire i miei genitori dei quali uno praticamente infermo e mia madre troppo agitata. Dico solo una cosa ho trattato troppo bene (da sorella) la badante che avevamo che però se n'è andata anche se prendeva 1100 Euro mese e aveva l'intero Sabato e la Domenica da farsi in giro. Non tutte le famiglie sono uguali.

      Elimina
    8. Contratto convivente CS? E' un contratto di convivenza con mansioni di aiuto a persona non autosufficiente, però non capisco il 6 ore giornaliere. Le ore per le badanti sono settimanali e se così fosse quanto sarebbero 30? 36? Quando fate i contratti fateli di 54 o niente se accettate una convivenza a 30 ore vi mettete in gabbia da sole. Questa storia del 25, 30, ecc. è una scappatoia per generare lavoro in nero e far finta di nulla altrimenti l'INPS non prenderebbe nemmeno quei contributi. Se quando fanno il contratto fossero persone serie per le convivenze dovrebbero obbligare ad assunzioni da 54 ore settimana

      Elimina
    9. So tutte queste cose, e mio malgrado sono scesa a compromessi per pura necessità. Sono appena tornata a vivere nella mia regione per stare vicina alla mia famiglia ma avevo bisogno di un lavoro con urgenza per non dover dipendere da nessuno e questo è il primo che mi è capitato. Per quanto riguarda le ore giornaliere nel contratto si parla di 40 ore settimanali (ma ne lavoro almeno 50..) per cui facendo una botta di conti dovrebbero essere circa 6 al giorno..se non mi sbaglio..So che loro ci stanno marciando sia sullo stipendio che sui contributi. Come ho già detto, i datori (non tutti ovviamente) sanno fare bene le vittime parlando delle pretese che noi badanti avremmo, ma omettono il fatto che spesso e volentieri assumono noi e non optano per altre soluzioni solo ed esclusivamente per lavarsi la coscenza visto che mettere una badante in casa col familiare può sembrare più umano che metterlo in un'ospizio, cosa che molti farebbero molto volentieri. Ripeto , non faccio di tutta l'erba un fascio, ma all80 per cento è così. Inoltre mi fa davvero "girare" leggere frasi tipo alcune riportate sopra inerenti a "cosa avrebbero da fare le badanti la notte o che le ore libere sarebbero troppe..."Ogni datore di lavoro dovrebbe provare a fare questo lavoro per almeno 3 mesi, e solo poi sarebbe un buon datore per una badante.

      Elimina
    10. la mia esperienza è negativissima. Sono stato datore di lavoro e ora badante (uomo) dei miei genitori. Finalmente mi sono liberato della badante che questo anno pur con contratto a 54 ore settimana avrà lavorato si e no 100 (o poco più) giorni effettivi. Ho padre e madre da accudire e non mi alzo di notte perchè non ce n'è bisogno. Non lo prendo come un servizio ai miei genitori lo considero un lavoro che vale 1600 euro mese (tanto costava la badante che avevo in stipendio 975 euro, più tredicesima, più vitto, più un mese all'anno accantonato di TFR, più 2900 Euro anno di contributi). Mi facevo comunque tutti i sabati e tutte le domeniche a casa e poi le feste italiane e i 26 giorni di ferie (140 giorni solo questi più eventuali ponti festivi o permessi che mi accollavo senza nulla togliere dallo stipendio. La badante se ne è andata dicendosi stressata. Se mi viene lo stress, penso a quei 1600 euro mese e mi passa.

      Elimina
    11. dimenticavo, se non ti soddisfa quella sistemazione cercane un'altra mentre sei li. Le famiglie che pagano il giusto e offrono più del dovuto ci sono, basta lavorare in modo coscienzioso e decente.

      Elimina
    12. La badante che hai avuto tu ha avuto una gran fortuna, io prendo solo 800 euro e non ho mai chiesto nemmeno un'ora di permesso, le 2 ore che dovrei avere libere sono comunque a disposizione perchè comunque la vecchietta sarebbe sola visto che i figli non si fanno vedere,e lavoro comunque 6 giorni effettivi su 7 domenica compresa senza extra. Comunque a titolo di cronaca è più che ovvio che appena trovo di meglio me ne vado.

      Elimina
    13. non assumerò mai più una badante ne ho avuta una che ogni giorno chiedeva soldi e quando non ce n'erano più si ammalava. Basta badanti faccio da sola

      Elimina
    14. ottima decisione.

      Elimina
    15. se facessimo tutti senza badanti, ci sarebbe un'Italia più ricca,

      Elimina
    16. Hai proprio ragione , e oltre che più ricca sarebbe un'italia migliore , dove i familiari si prendono finalmente l'impegno di rendere ai propri genitori ciò che hanno ricevuto da piccoli invece di scaricarli a persone che fanno il lavoro al posto loro (e si lamentano pure di dover pagare per questo!!) Oh.. ragazzi, ho paura di darvi una terribile notizia.. : LA SCHIAVITù è STATA ABOLITA!!!!

      Elimina
    17. Lo scopo del nuovo ordine mondiale è solo uno! Dividere e conquistare! Politica di odio tra i popoli, le nazioni, le razze servono solo una manciata di persone! Combatti per il tuo standard e non incolpare la situazione per coloro che onestamente si guadagnano da vivere! Chiedi età parenti come si sentivano quando servono in Germania e in Svizzera? Credendo che l'Italia sarebbe meglio senza badante, liquidate i vecchi! Tutto che ho letto qui e una vergogna per chi si senti cristiano, ma ognuno è responsabile della propria coscenza! Lotta contro i politici e la politica! Dio è uno per tutti!

      Elimina
    18. Vesteslava,
      Dio è uno (se c'è veramente, a meno che non sia anche quella una cooperativa, ma rispettiamo il credo di ognuno). Il fatto è che deve esserci una giusta paga contro un giusto lavoro sia che la paga la dia un italiano (o uno straniero) e il lavoro lo presti uno straniero (o un italiano). Cosa centrano i politici, l'ordine mondiale, il razzismo. Una cosa certa è che in Italia oggi non ci sono le stesse condizioni di tre o quattro anni fa e se gli italiani assumono persone che poi non possono pagare o possono pagare facendo sacrifici, se questo lavoro viene pagato con soldi che poi vanno solo all'estero l'Italia diventerà per forza più povera. Faccio il ragionamento del padre che ha un orto e un figlio senza lavoro e per lavorare l'orto prende un figlio di un'altro e poi alla fine spera anche di raccogliere ortaggi.

      Elimina
    19. Ho capito poco di questa discussione ma se i vecchi fossero curati dai propri parenti l'Italia sarebbe più ricca. In italia non c'è lavoro e continuano ad arrivare persone con la pretesa di avere un lavoro o di prendere soldi al semaforo o venderti un pupazzo portafortuna nel parcheggio del supermercato.

      Elimina
  14. Il contratto nazionale è la cosa più importante che può avere un lavoratore. se io decido di andare a lavorare in una industria chimica so che potrò avere dei problemi di salute, potrò intossicarmi o vivere in un ambiente malsano. Purtroppo quel lavoro esiste e c'è chi decide di andarlo a fare. Il contratto cerca di prevenire al massimo malattie e per questo prevede l'uso di protezioni e tempi di riposo oltre alla paga ai livelli alle cure mediche e alle visite obbligatorie.
    Una cosa è certa è più esposto a tumori un radiologo in ospedale che uno che raccoglie pomodori 12 ore al giorno in un campo. Eppure i due lavori esistono e qualcuno li fa. Cosa diciamo che il lavoro da tecnico radiologo è disumano e lo accettano come lavoro solo i cinesi?
    Ogni lavoro ha un suo contratto che andrebbe letto prima di scegliere quel lavoro.
    Se in quel lavoro ci sono ingiustizie si può scendere in piazza e fare sciopero (tutte le badanti d'Italia o comunque una bella parte) per chiedere migliorie al contratto.
    Se i rappresentanti dei lavoratori trovano migliorie da apportare al contratto e i rappresentanti dei datori di lavoro accettano quello sarà il nuovo contratto sia per chi vorrà fare la badante sia per chi la vorrà assumere. Se a un datore di lavoro non piacerà quel contratto eviterà di assumere una badante e si arrangerà da solo o con una casa di riposo.
    Però oggi il contratto è questo e fino a nuova rettifica possiamo solo far base su questo.
    Non è possibile farsi assumere e assumere con le regole di un contratto e poi il giorno dopo trovarsi a mettere tutto in discussione. Questo vale per il datore di lavoro ma anche per il lavoratore.

    RispondiElimina
  15. Abbiamo una badante da 5 anni e da allora continua a chiedere. Oggi prende 600 euro in busta e altri 800 fuori. Noi non ce la facciamo più, anche perchè a quei soldi ne vengono dati altri, come rimborso spese viaggio (viene da fuori città), schede telefoniche a non finire, stanza privata con servizi privati, guardaroba sempre aggiornato.
    Stiamo pensando di licenziarla e fare noi quel lavoro che facciamo già il Sabato e la Domenica, le feste e i giorni di ferie.

    RispondiElimina
  16. ci sono badanti solo per la sera?

    RispondiElimina
  17. Basta pagare e la prendi per le ore che vuoi, una senza lavoro e che deve rinnovare a tutti i costi il permesso di soggiorno la trovi di certo.

    RispondiElimina
  18. Con queste tasse e questo governo vedono fuori dal tunnel solo loro. Ho la vista corta e sono al buio (aspetto solo che mi tolgano anche la corrente). In queste condizioni c'è poco da poter pagare, bisogna fare da soli senza esperienza.

    RispondiElimina
  19. La notte libera di una badante convivente viene conteggiata come 1 giorno di ferie ?

    RispondiElimina
  20. "La notte libera di una badante convivente viene conteggiata come 1 giorno di ferie ?"

    certo che no un giorno è fatto di 24 ore, quindi anche un giorno di ferie è fatto di 24 ore.
    Una notte fuori però è un permesso che è fatto di ore.
    Una badante ha due ore giorno di libera uscita per contratto nazionale non perchè se lo sogna una famiglia o una badante, se le ore fuori diventano 5, tre sono di permesso che può essere retribuito cioè dato gratis o non retribuito e allora non viene pagato.
    La convivenza prevede per contratto che si assista passivamente cioè con una presenza ma senza intervenire salvo casi realmente di necessità (e anche questi sono regolamentati o concordati alla firma del contratto di lavoro.

    RispondiElimina
  21. Questo vale anche per una colf? Una tata-domestica convivente deve essere in casa durante le ore di riposo?

    RispondiElimina
  22. Secondo me vale soprattutto come viene impostato il contratto. Il contratto nazionale delle assistenti familiari prevede la presenza notturna perchè ci sono persone da controllare se non proprio da seguire fisicamente.
    Una colf convivente che sia in casa di notte o non lo sia che differenza potrebbe fare? Una colf poi è convivente solo se ha bisogno lei di trovarsi una casa e degli alimenti.
    Diverso invece è il discorso per una tata (baby sitter) che comunque sorveglia bambini.
    Una cosa è certa essere presenti di notte vuol dire solo esserci senza lavorare altrimenti si dovrebbe venir pagate anche di notte ammesso si resista.
    Un custode di condominio o di una villa c'è sempre ma fatte le sue ore non lavora più anche se eccezionalmente potrebbe venir chiamato. In buona sostanza si baratta vitto e alloggio con un po' di prigionia.

    RispondiElimina
  23. per favore sono badante convivente e nel contratto devo fare solo 40 ore settimanale, adesso mi ha arrivato l anzianita e la signora vuol licenziarmi, vorrei chiedere se ho diritto di fare solo le mie ore e lasciare la casa la notte in queste giorni perche ho fatto tantisdime notte senza formire per guardare la signora

    RispondiElimina
  24. fatti licenziare e vai dal sindacato ad aprire una vertenza. Una convivenza ha senso solo con 52 ore ma si può fare con 25 ore.
    Però non si può pagare 25 ore e pretendere una convivenza che obblighi una persona a vivere in una casa tutta la giornata. 40 ore sono 4 giorni di lavoro con la presenza notturna poi, gli altri tre giorni, devono essere liberi. Se poi una persona deve alzarsi anche molte notti per lavorare/assistere l'anziano/a allora quelle sono ore straordinarie.
    Il tuo datore di lavoro rischia una multa e di doverti pagare gli arretrati non pagati.

    RispondiElimina
  25. La badante convivente ha diritto alla mezza giornata libera la sera della vigilia di natale o devo portarmela appresso anche al ristorante??? E devo pure pagarle lo straordinario festivo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perchè una convivente dovrebbe avere una sera libera in un giorno prefestivo, Natale ai fini "fiscali" è una festa come un'altra però tu puoi dare la sera libera di tua iniziativa con un permesso retribuito. Il giorno di Natale e Santo Stefano invece li ha di "festa" perchè sono due giorni inclusi nelle feste annuali.

      Elimina
  26. se la badante è convivente si chiama così non perchè è ospite ma perchè (come chiaramente è scritto nel contratto collettivo) di notte da garanzia di presenza pur non essendo attiva (salvo rari casi realmente importanti salvavita, comunque straordinari). Se la badante, a sera vuole essere libera, deve cercarsi un lavoro a giornata e si fa intervenire una seconda badante che offra una presenza o assistenza (non sono la stessa cosa) per la notte. In queste condizioni ovviamente non c'è vitto e alloggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per favore, mi dite esattamente dove è scritto sul contratto collettivo che una badante convivente (con vitto e alloggio) a tempo pieno (54 ore) deve garantire la presenza notturna? Vorrei includerlo nella lettera-contratto di assunzione. Intendo solo presenza, ovviamente: mia mamma di norma dorme tutta notte ma ho bisogno di qualcuno sia in casa e che chiami me o il 118 in caso di bisogno eccezionale.

      Elimina
  27. A Mino
    Grazie per la risposta. Il problema è che la mia badante non se ne vuole andare, a Natale. Se se ne andasse, mi farebbe un piacere, sarei sollevata almeno per qualche ora dalla sua ingombrante presenza dal momento che io e mia madre viviamo come due prigioniere perché ascolta tutto, s'impiccia di tutto, tocca tutto! Cambiarla? Non è così semplice: io dispongo di una casa piccola, e queste vogliono la stanza singola con bagno e televisore, lussi che io ho in albergo! Diversamente, non ci vengono. E anche questo è incredibile: se devono assistere un invalido, devono dormire con l'invalido! Se mi alzo io, lo stipendio allora me lo tengo io! Invece, da vari colloqui, ho constatato che si tratta di gente che non cerca un lavoro, ma un alloggio con mangiare assicurato e con il meno da fare possibile! Ho capito che per loro è meglio se l'invalido è allettato così hanno da fare, e non vogliono figli tra i piedi! Figuriamoci se gli anziani, invece, hanno figli che, come me, convivono con i genitori! In tal modo, tornando al Natale, la sera della vigilia non solo mi costringe a stare in casa con lei, ma a rifiutare qualsiasi invito perché lei non ha dove andare!! E Capodanno lo festeggerò (si fa per dire) sempre con lei? In più, devo anche farle il cenone? Da quando lei è qui, oltre ad un botto di stipendio sto pagando anche un'enormità di vitto!! 20-30 euro al giorno circa, mentre prima io e mia madre consumavamo così poco!! Ora, io sostengo una cosa: ma perché il vitto non deve essere compreso nello stipendio, e non provvedono da sole? A me l'ufficio mica mi paga il pranzo e la cena, mi dà uno stipendio mensile e stop, se voglio mangiarmi un panino oppure andare al ristorante questi sono fatti miei! Allora, perché costoro no? Al bar, un tramezzino più una bottiglietta d'acqua e una macedonia di frutta costano, in offerta speciale, più di 6 euro! Fatevi il conto per pranzo e cena e moltiplicatelo per 30 giorni! Ma dovrei essere io, a chiedere il rimborso delle spese, senza contare il consumo d'acqua e di elettricità in più! Insomma, sono norme che non vanno e che andrebbero riviste, ce l'avessi io un contratto di lavoro così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le osservazioni che fai e dici sono esatte, ma sono constatazioni comuni a tutti quelli che hanno una badante e che accettano tutto quello che la badante impone all'atto della firma del contratto. Ho appena lasciato a casa la badante che avevo e mi dico: "finalmente!!!". Teniamo conto che forse sindacati e badanti non se ne sono resi conto ma trovare un lavoro fisso non è così semplice. Molte italiane stanno facendo concorrenza alle badanti straniere. Non c'è lavoro. Quindi diventa sempre più facile mettere paletti e ricordarsi che in un contratto di lavoro la parte forte da sempre è considerato il datore di lavoro e non viceversa. Le badanti pur di avere un lavoro fisso sono spesso disposte a trasferimenti di città ma anche di regione (teniamo conto che le straniere per esempio vengono da paesi lontani migliaia di chilometri e stare a Milano o a Messina non fa molta differenza) generalmente hanno marito disoccupato e figli che studiano, sono qui perchè hanno bisogno di soldi.

      Elimina
    2. Dunque ricapitoliamo,
      le badanti vengono dall'estero per guadagnare e cercano di lavorare il meno possibile perchè si fa tutti così quando si cerca un lavoro. Quello che conta è la paga oraria reale che deve essere il più alta possibile. Paga oraria alta vuol dire a parità di stipendio lavorare con la stessa mensilità il minor numero di ore possibili. Meglio l'anziano a letto o quello autonomo in piedi? Dipende da quanto autonomo è perche se è veramente autonomo non serve la badante e se si prende una badante vuol dire che è una persona non completamente autosufficiente. Se è in piedi ma non è autosufficiente o peggio è un Alzheimer è un casino perchè non da tregua e quindi la soluzione allettato e di sicuro la più conveniente perchè dalla badante alla casa di riposo si può gestire meglio l'anziano (lo si accudisce quando si vuole.
      Se una straniera viene in Italia a fare la badante vuole prima di tutto vitto e alloggio- Per vitto si intendono due pasti certi, e per alloggio si intende una camera personale (bagno e altre cose non sono previste). La camera personale serve per dare pausa e intimità alla persona che lavora e che di notte, se è una CS (convivente con un non autosufficiente), deve garantire solo presenza e non lavoro. Cioè c'è ma solo se esiste un problema grave e se deve intervenire ha diritto a ore straordinarie o a recupero durante il giorno.
      Come si risolve a Natale? Non c'è altra soluzione che mandarla in ferie 15 giorni. La metà delle ferie è lecito le chieda la badante nel periodo che gli servono l'altra metà la decide il datore di lavoro anche se normalmente si cerca un punto di incontro.
      Vitto.
      Il vitto è richiesto a parte lo stipendio quando la badante è presente al lavoro mentre va dato un indennizzo quando la badante è assente.
      Una persona non può vivere un anno nella stessa stanza dell'assistito, non va bene per l'assistito e non va bene per la badante che ha anche lei un sistema nervoso che potrebbe saltare e far danni da stress. Una badante non può andare al bar a mezzogiorno e assistere e preparare un pranzo all'assistito.
      La badante tocca tutto.
      La badante è femmina (spesso) ed è umanamente curiosa come tutte. Pensare sia riservata è un'illusione.
      La badante è una dipendente con pieni poteri sulla casa e sull'assistito perchè così deve essere in caso di emergenza.
      Trovare una badante che accetti di avere fra i piedi i figli è difficile, ovvio ... questione di ulteriore libertà.
      Pensare del resto che una badante venga in Italia per prendere 900 Euro, si paghi il vitto e il viaggio andata e ritorno, paghi le tasse sui 900 è chiedere troppo anche se certe accettano di lavorare anche per 600-500 Euro mese.

      Elimina
    3. Anonima che ringrazia MINO
      Tu vuoi una cosa impossibile. Prendi una badante che faccia solo giornata, ti alzi tu di notte, spendiamo meno, non vedi quando curiosa nelle tue cose e ti fai il natale come vuoi

      Elimina
    4. Ho una badante che si comporta in modo a me pare corretto. Ha buona volontà (per quel che vedo), però credo che le case abbiano una sopportabilità di persone tipica della loro struttura. se vai in affitto e chiedi la residenza per te e famiglia e la famiglia è fatta da 14 persono e le stanze sono due stai certa che non ti danno abitabilità. Si l'abitabilità è la capacità che ha una casa di ospitare un certo numero di persone senza che viverci diventi un incubo. Mettere in una casa piccola tre persone di diversa natura, razza, abitudini è un vero suicidio mentre nella stessa casa potrebbero viverci benissimo tre ragazzi, o studenti ordinati.
      Devi per forza trovare il modo di trovare una persona a giornata o a ore e seguire tu la tua mamma di notte.

      Elimina
    5. Non si può far dormire la badante nella stanza dell'assistito. La devi far dormire in una camera sua per essere in regola e poi metti un interfono sempre in ascolto in camera di tua madre e in camera della badante così se tua madre ha bisogno lei la sente e interviene. Bisogna prepararsi per tempo a queste cose, diventiamo tutti vecchi è ineludibile.

      Elimina
    6. secondo voi a che ora deve rientrare la domenica sera una badante fissa 54 ore?

      Elimina
    7. appena passate le 12 ore libere . esce di casa alle 8 rientra alle 20

      Elimina
    8. le ore libere sono 1 giorno (24 ore) dalle 00,00 alle ore 24,00

      Elimina
    9. Ma qual e' il tuo problema? Se la presenza di quella badante ti pesa tanto e tu vivi con tua madre, potresti facilmente rinunciare ai servizi di una badante convivente ed incaricare qualcuna ad ore (solanto quando tu sei al. lavoro) e poi prenderti cura di tua madre da sola, nel tuo caso la presenza notturna di qualcun altro e' completamente superflua, visto che ci sei anche tu e potresti fare tutti questi lavori di cura da sola nel tuo tempo libero, ma forse sei troppo pigra ed a te fa piu comodo scaricare questi compiti sulle spalle della persona estranea. E se non non puoi permetterti di garantire ad una dipendente le condizioni dignitose come una camera singola non assumere nessuno! Non sei in grado di offire alla badante il suo spazio e poi ti lamenti che ci sia sempre, che ti ascolta etc. Non e mica la colpa della badante se tu disponi di una piccola casa. E la badante non deve dormire con l'assistito, lei ha il diritto alla camera sua se convivente, i tempi della schiavitu' sono finiti per fortuna, ma nella mente di alcune persone le badanti non sono considerate come dipendenti ai qual spettano certi diritti ai sensi di legge e del codice di lavoro ma come schiave di casa.

      Elimina
    10. Ovviamente. ..hai ragione in tutto che dici.

      Elimina
    11. Ovviamente. ..hai ragione in tutto che dici.

      Elimina
    12. se una badante non trova lavoro e gli propongono una convivenza in un monolocale con un anziano deve valutare lei se starci o no anche se la regola vuole che la badante abbia una sua stanza. Magari tiene quel lavoro in attesa di trovarne un'altro.

      Elimina
  28. Se la badante vuole uscire tutte le sere va a vivere in un albergo e va a mangiare al ristorante e fa quello che vuole. Chi di noi esce tutte le sere? Le ore libere sono due al giorno in mezzo all'orario di lavoro. Se sono due non vuol dire uscire alle 8 di sera e fare notte fuori.

    RispondiElimina
  29. Se ho un contratto di 30 ore la settimane a notte mi aspetta e il riposo come sono

    RispondiElimina
  30. non si capisce bene la domanda. immagino si tratti di una convivenza a 30 ore. Il riposo, le ferie il giorno libero, le ore libere al giorno, la paga ecc. è uguale a chi ha un contratto a 54 ore settimana cambiano solo i contributi INPS (a 30 ore sono meno) Si lavora meno ma si riposa in casa. Così dice il contratto nazionale.

    RispondiElimina
  31. Buona sera...vorrei sapere una cosa per me importante...sarebbe questo :
    Sono una badante convivente con 40 ore settimanale...ma sto in casa con una signora di 94 anni tutti 22 ore ...perché anche dormo con lei in lo stessa stanza...la domanda e questa ...vorrei fare una richiesta per variare il contratto e vorrei chiedere 54 ore ...ho il diritto da chiedere?Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capirò mai i contratti di convivenza a meno di 54 ore con obbligo di presenza per tutto il restante periodo preservando però sempre le due ore libere giornaliere. Occorre però ricordare che anche con un contratto di 40 ore si prende pari paga di chi ha contratto da 54 ore (intesa paga minima contrattuale). Dove stà la differenza? Nei contributi. Lo dico ai datori di lavoro: chi fa un contratto da 40 ore pensa di risparmiare qualcosina, la badante non ci guadagna nulla (in Italia occorrono minimo 20 anni di contributi per avere la pensione italiana), ma se lavora tutte le settimane 54 ore con un contratto da 40 alla fine chiederà con una vertenza 14 ore di straordinarie minimo la settimana che per anni non sono proprio cifrette ma una somma consistente da versare all'Inps di mancati contributi. Chi evade i contributi rischia in Italia anche il carcere.

      Elimina
    2. Anonima del 23 Dicembre 2015. La badante ha diritto ad una stanza sua, non tanto per la privacy, ma perchè 11 ore devono essere di presenza in casa ma anche di riposo lontane almeno una stanza dal lavoro. Se però la stanza non c'è che si fa? Si può accettare comunque o rifiutare il lavoro. Chiedere 54 ore sul contratto non è un diritto per forza. Non chiedete diritti ma contrattate con il datore di lavoro il giusto. Chi fa 40 ore chieda di essere pagata e di avere un contratto di 40 ore, Chi ne fa 54 chieda per 54. Se non è possibile non pretenda l'impossibile altrimenti perderà il lavoro, potrà eventualmente rifarsi con una vertenza a fine lavoro.

      Elimina
  32. GRAZIEEEEEE MILLE♥

    RispondiElimina
  33. Sarà difficile ...per fare le vertenze...una delle figlie e stata una Sindacato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che vuol dire una delle figlie è stata al sindacato? Tutti i pensionati vanno a farsi tenere le buste paga da un patronato che non è altro che lo stesso sindacato delle badanti e di tutti i lavoratori con un ufficio per chi non lavora più e cioè i pensionati. La regolarità di un contratto si misura dal lavoro che si fa e da quel che si prende non dalle volte che un datore di lavoro va a un sindacato. Se è andata una delle figlie prova ad andare anche tu a sentire quello che ti dicono.

      Elimina
  34. Buona sera avvocato...non mi sono spiegata...sarebbe corretto dire :Ché una delle figlie della mia datore di lavoro,ha fatto il lavoro di sindacalista al CGIL ...e credo che ha un sacco di conoscenze e non potrò fare le vertenze...ormai sono passate tre anni...che sono di qua e ho paura di non restare senza lavoro si mi buttano fuori...vorrei fare una proposta delleche è questa...e perché ogni tanto non passa nelle famiglie dove sono le badate qualche ispettore di lavoro...per vedere come siamo trattate...non possiamo andare di fare una visita dal dottore siamo liberi nei ore pomeridiane quando non poi andare di fare gli analisi...si chiede una volta permesso la seconda e già troppo...e un altra proposta perché non fare qualche ora di televisione dedicato a questo lavoro così poco apprezzato ...non parlo economicamente ma di quanti ore siamo costretti stare chiusi in casa e non poter uscire per fare le cose che fanno parte della vita normale...ci minacciano che mangiamo e dormiamo gratis..ma per fare22 ore giornaliere non si parla da nessuna parte...ho una esperienza di 15 anni saprei fare mille proposte e domande...ma concludo qui ...AUGURO A LEI UN BUON ANNO E TANTA SALUTE E GRAZIE PER LA VOSTRA DISPONIBILITÀ STARCI VICINO MORALMENTE...GRAZIE♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) - È come dire che una persona lavora da un carabiniere o da un giudice e quindi non potrà mai avere giustizia. Ci sono giudici che condannano giudici e carabinieri che arrestano carabinieri.
      2) - Qui siamo in Italia e non c'è polizia di regime. La casa di ognuno è un luogo privato dove nemmeno un carabiniere può entrare senza che un giudice emetta un mandato motivandone giustificate ragioni.
      3) - Gli ispettori del lavoro sono pochi e non bastano nemmeno nelle industrie e nei cantieri dove le sicurezze possono essere eluse mettendo a repentaglio la vita delle persone e li i controlli hanno un senso.
      4) - Lavoro da badante ce n'è molto, sono le badanti che mancano mentre abbondano signore, governanti, casalinghe, insegnanti. Ho avuto una badante rumena che continuava a chiedere molto oltre il minimo. Arrivava il Lunedi ore 12 faceva 2 o 3 ore libere ogni giorno. Nei momenti miei critici aveva le lune di traverso e andava a casa tutto il giorno. ore 14 del Venerdi doveva andare a prendere il marito. prendeva paga più contributi per lei ma non voleva essere assunta perchè doveva fare delle cure costose che non voleva pagare dopo un mese di maglioncini e centrini ricamati aveva questo obbi nelle ore di lavoro ha deciso che essendo arrivato Agosto doveva fare il mese che fanno tutti di ferie. Al ritorno non ha più trovato il lavoro.

      Elimina
    2. Le badanti delle volte sono sfruttate ma tante volte sfruttano la famiglia oltre ogni ragionevolezza

      Elimina
    3. buon anno a tutti e tutte, anche se gli anni a venire saranno sempre più difficili per tutti

      Elimina
  35. ci sono anche avvocati qui? e sindacalisti? e datori di lavoro? QUALCUNO DIFENDA LE FAMIGLIE.

    RispondiElimina
  36. Proprio a Lei ???doveva capitare una persona di questo tipo...è certo che non ci credete che non tutti sono uguale...come voi che li pagavano anche i contributi ...per quei orari...le persone oneste sono sempre trattate male ...Grazie

    RispondiElimina
  37. Premetto che sono al mio primo lavoro in questo settore, e non ho mai frequentato corsi per operatore sanitario ecc, sono un trentenne straniero, e da circa un anno lavoro come badante presso una signora ottantenne autosufficiente, intendo con ciò una persona che si lava da sola e cammina da sola con o senza aiuto di un girello, ma comunque, sempre sotto i miei occhi vigili, la signora in questione non ha bisogno di cure particolari, in questo periodo di un anno ho lavorato per lo più ad ore (3 al giorno in nero), ma da 4 mesi, ho firmato il contratto "BS" per lavoratore convivente senza diploma, di 54 ore settimanali, quindi, sono 10 ore al giorno dalle 8:00 alle 20:00, con 2 ore di pausa dalle 13 alle 15, inoltre, ho il riposo notturno da convivente senza che io possa allontanarmi da casa, essendo che sto da solo con la mia assistita, ho la stanza propria in una casa spaziosa, e, in teoria, ho anche il diritto al vito.

    Uso le mie 2 ore libere giornaliere per fare le mie commissioni e passeggiare in zona per muovermi le gambe, in più ho il riposo prolungato nello weekend, quindi, di sabato lavoro dalle otto di mattina fino a mezzogiorno, e posso rientrare alle otto di mattina di lunedì, comunque, volendo posso anche non uscire e rimanere in camera "mia" a fare i fatti miei, seppur, durante lo weekend viene (in nero) un'altra persona a coprirmi, ma, se decido di restare in zona, devo farla accomodare su una brandina in camera assieme a me, preferisco invece uscire e farmi una vita sociale per quanto possibile.

    Il tutto sulla carta è molto degno e giusto, i problemi iniziano quando i datori e l'assistita(o) cominciano a voler "far valere" la paga, e pensano di avere in casa un servo e non un lavoratore, allora, ti vogliono 100% in attività, ti danno da mangiare solo la pasta al sugo, (complemento con una spesina settimanale per conto mio) pretendono che le spese eventuali per la casa siano fatte nel mio orario di pausa (la spesa vera e propria arriva settimanalmente con la consegna a domicilio), i giorni di festività, se rimango a casa, non vengono conteggiati (devo provare il disagio di far notare al datore), finisco alle 20:00 ma spesso e volentieri la signora vuole stare davanti alla TV fino alle 23:00 pretendendo la mia compagnia, inoltre, si sveglia almeno due volte a notte e mi alzo per accompagnarla in bagno, e ancora, ogni giorno di mattino alle 10:00 e pomeriggio verso le 16:30 la porto in giardino a fare una passeggiatina di mezz'ora, curo la casa e faccio piccole riparazioni, faccio pulizie giornaliere di manutenzione (spolverata), e una approfondita settimanale (incluso bagno e pavimenti), rifaccio il letto, faccio le lavatrice settimanali, preparo colazione, pranzo, merenda e cena, le faccio bere un bicchiere d'acqua a intervalli regolari, cambio pannolone, e curo la sua igiene personale non intima (unghie, capelli, protesi dentaria) e l'aiuto a vestirsi di mattina e la conduco a letto di sera, il tutto per 850,00 euro netti, che è la paga minima per il mio specifico contratto.

    Cari colleghi badanti, siate pazienti e onesti senza mettere mani a ciò che non ci appartiene, ricordando sempre che non dobbiamo comportarci come uno di famiglia, il nostro compito e fare del bene e ben fatto, poi, man mano che si prende confidenza col lavoro, si va a trovare l'equilibrio, allora, si comincia a esigere l'osservanza del contratto, si taglia dei capricci, si osserva meglio le mansioni e orari, purtroppo, i sindacati sono poco attenti alla vita reale di noi badanti, e siamo noi stessi a dover cercare di far valere le nostre ragioni, sempre con saggezza per non rischiare di trovarsi senza lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consiglio, è opportuno preparare una precisa scaletta delle cose da fare, così abituiamo le parti a rispettare precisamente gli orari, facendoci notare la propria presenza ad ogni mezz'ora circa, salvo precise necessità o richieste dell'assistita(o), si approfitta quindi, per fare i lavori domestici nei periodi in cui l'assistita(o) si trova impegnati davanti alla TV, o in mezzo al pisolino quotidiano, in modo da poter nel frattempo sedersi a leggere, a scrivere o altro, infine, evitate battibecchi che lasciano il clima teso, e siate decisi quando ci si deve ricordare ai datori e agli assistiti le mansioni secondo contratto.

      Elimina
    2. Sono sempre l'anonimo di prima, voglio solo precisare che il mio riposo prolungato finisce alle 20:00 della domenica, e non alle 8:00 del mattino di lunedì come erroneamente detto in precedenza.
      PS. Ai colleghi, non esitare in cambiare lavoro se vedete la vostra dignità ferita, siate bravi e fate bene i vostri doveri e costruite sempre un'alternativa per non restare vittime dei datori padroni disonesti.

      Elimina
    3. Il lavoro ad orari precisi va bene in fabbrica, con un anziano o un ammalato gli orari precisi non sempre ci possono essere, basta recuperare le ore fatte in un altro momento

      Elimina
  38. sono stata assunta 36 ore settimanali ma ero convivente non ho mai goduto le 2 ore di libera uscita e la domenica andavo via alle 9 e rientravo alle 19 30 mai goduto delle mie 24 ore di riposo cosa posso fare vorrei fare vertenza dovevo assitere una nonnina non autosufficente invece in casa c'era anche la figlia dawon senza contare che la nonnina aveva a casa spesso e volentieri ospiti tutti accuditi da me

    RispondiElimina
  39. sono stata assunta 36 ore settimanali ma ero convivente non ho mai goduto le 2 ore di libera uscita e la domenica andavo via alle 9 e rientravo alle 19 30 mai goduto delle mie 24 ore di riposo cosa posso fare vorrei fare vertenza dovevo assitere una nonnina non autosufficente invece in casa c'era anche la figlia dawon senza contare che la nonnina aveva a casa spesso e volentieri ospiti tutti accuditi da me

    RispondiElimina
  40. per una persona o due più ospiti non c'è differenza perchè contano le ore fatte. Oltre 25 ore fino a 54 la paga è la stessa per badante convivente con NON autosufficiente. Livello CS a 965,38. cosa cambia? I contributi da versare sono ovviamente di più per il datore di lavoro (ma sono anche 20 euro in più da versare per la badante). Con 54 ore lo stipendio è 904,54 mantre a 36 ore lo stipendio è 924,82 (perchè anche la badante versa meno contributi per se stessa. Devi vedere se riesci a dimostrare che non uscivi mai per le due ore non facevi mai la mezza giornata e la Domenica fuori

    RispondiElimina
  41. Domanda: la badante convivente con contratto CS di 54 ore è tenuta a restare in casa tutte le notti o la notte fra il sabato e la domenica può dormire fuori a sua discrezione? grazie a chi mi risponderà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se la mezza giornata è di giovedì a mezzanotte dovrà rientrare (uscendo a mezzogiorno). così succederà per la domenica uscendo alle ore 00. Non esiste sul contratto una regola fissa si parla solo di 24 ore 12 ore 2 ore. Tutto è bene sia preso in comune accordo e per evitare screzi inutili e incomprensioni scritto chiaramente nelle note del contratto d'assunzione.

      Elimina
  42. Domanda: la badante convivente con contratto CS di 54 ore è tenuta a restare in casa tutte le notti o la notte fra il sabato e la domenica può dormire fuori a sua discrezione? grazie a chi mi risponderà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il contratto nazionale prevede 2 ore libere al giorno fuori casa (o a discrezione della badante dentro casa). Mezza giornata libera 12 ore fuori casa (o a discrezione della badante in casa ma totalmente a riposo come se fosse fuori casa. La stessa cosa vale per feste a calendario (civili o religiose che sia) e comunque tutte le domeniche (24 ore). E' utile per tutti che famiglia e badante si accordardino prima dell'assunzione, e lo sottoscrivano nella lettera d'assunzione, in modo che le regole siano chiare da subito. Se la mezza giornata è di Sabato e la Domenica è libera di diritto la badate starà fuori casa 36 ore consecutive. Per evitare che ci sia il rientro a mezzanotte ci si accorda in modo che tutto diventi più semplice per entrambi (famiglia, assistito, badante)

      Elimina

Quando un singolo post ha oltre 200 commenti, quelli eccedenti i primi 200, non vengono subito visualizzati. Per leggerli tutti è necessario cliccare qui sopra (quando viene inserito) il link:
"Carica altro..."