martedì 9 novembre 2010

come si scrive la lettera di licenziamento?


                                  Egr. 
                                  Maria Lou   (dipendente)                  
                                 C.F. 42987LU4MA34I
                                  via Lunga,13
                                  Roma

raccomandata A/R (o a mano)
Roma, 10 Novembre 2010
Oggetto: licenziamento


Con la presente le comunico la mia decisione di interrompere il rapporto di lavoro, di natura domestica, con lei in essere, specificatamente riferito alla posizione:
Badante inquadramento CS a 54 ore settimanali attivo dal 1 Ottobre 2008.
Considerato il preavviso di 15 giorni, il rapporto di lavoro avrà termine il 25 Novembre 2010 data in cui cesseranno le sue prestazioni e per la quale lei provvederà a rendere libera la stanza che occupa di tutte le cose di sua proprietà. Con la busta paga del mese di Novembre 2010, pagata nel corso del mese di Dicembre 2010, verranno saldate tutte le sue competenze.
Ringraziandola per la collaborazione, porgo distinti saluti.




Silvia Salvi   (datore di lavoro)
C.F. 398WWEEI34X
via Lunga,13 
Roma                                                           
in fede (firma).................................................

.........................................................
Questo basta perchè il rapporto di lavoro domestico costituisce un eccezione alla generalità dei rapporti di lavoro in quanto è inapplicabile la tutela dei licenziamenti individuali (L.104/1990). Però esiste un art. 4 della L. 108/1990 che tutela i lavoratori domestici (definiti nell'art.1 della L.339/1958) da licenziamenti discriminatori (sesso, razza, religione, partito ecc.). L'unica variante è per quelli che non fanno almeno 4 ore consecutive per lo stesso datore di lavoro, ma tutti gli altri (quindi la totalità delle badanti da 25 ore in su) secondo questa interpretazione risulterebbero tutelati perchè equiparati a normali lavoratori. Altrimenti ci sarebbe discriminazione tra lavoratori con mansioni diverse invece la legge tutela anche i lavoratori generici.
Testimoni e "giusta causa" sono la strada per il licenziamento in tronco.
Tutto questo per dire che le tutele ci sono ma valgono solo per i licenziamenti discriminatori motivati. Il datore di lavoro licenzia a suo piacimento basta che non motivi la causa (se fosse essa discriminatoria).
Quindi può licenziare senza motivare, basta pagare il preavviso (vale anche per lavoratori con contratto a poche ore di lavoro). Si può licenziare e pagare il preavviso lasciando a casa da subito la badante. E' la regola del "ti pago senza usufruire delle prestazioni per il periodo del preavviso" (Caso di furti presunti o maltrattamenti senza testimoni e quindi difficilmente dimostrabili per un licenziamento in tronco che non prevede il pagamento del preavviso.

92 commenti:

  1. Il contratto parla chiaro. Art.38
    Il datore di lavoro può licenziare una colf o badante senza dover fornire una giusta causa o un giustificato motivo di licenziamento, anche per una scelta discrezionale o di opportunità. Però al lavoratore spetta comunque il preavviso.

    Quindi basta rispettare il preavviso o licenziare in tronco ma monetizzarlo.
    Resta però il fatto che un contratto pur ben fatto, può portare in tribunale quando le norme possano essere di diversamente interpretate in base a leggi che tutelano il vivere di uno stato. Su questo tutti i sindacati si esprimono con chiarezza (si può liberamente licenziare), salvo poi imbarcarsi in vertenze che tengono sempre in bilico la famiglia.

    RispondiElimina
  2. ho sentito un avvocato e mi ha confermato la stessa cosa.
    Si può licenziare senza giusta causa, basta dare il preavviso. Se poi il fatto è grave e non si ravvede nemmeno la possibilità di continuare il rapporto di lavoro per il tempo del preavviso si può fare un licenziamento disciplinare e non si paga nemmeno il preavviso.
    Motivare una causa e non lasciarlo a libera discrezionalità potrebbe inoltre creare motivo di discriminazione e quindi complicare il licenziamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. almeno questa legge la sapete bene perchè è in vostro favore

      Elimina
    2. in tutti i contratti la parte meno favorita è il lavoratore. Vale per tutti, anche per me che tutte le notti sto a fare la guardia a un magazzino davanti a 16 monitor e mi tocca lasciare mia madre in mano a una badate per non perdere questo lavoro e fra qualche anno anche la pensione dopo35 anni di notti insonni

      Elimina
    3. Le leggi si ispirano alla giustizia e non dovrebbero essere a favore di nessuno ma tutelare tutti.
      Se per un lavoro delicato come questo uno ha a che fare con una persona onestissima ma della quale non si fida è inutile che se la tenga e si tenga dentro l'ansia che il proprio genitore è trattato in modo diverso da come vorrebbe. chi paga ha diritto di vedere il lavoro fatto come ci si aspetta. Chi fa il lavoro che ci si aspetta ha il diritto di essere pagato.

      Elimina
  3. se si assume con un contratto sottoscritto dalle due parti (badante e datore di lavoro), si risolve il contratto con quelle stesse regole.
    Quindi si può licenziare senza giusta causa.
    Per le badanti conviventi non c'è norma che descriva irrinunciabilità del locale in uso per la badante nel tempo del preavviso, quindi si può anche rinunciare al preavviso monetizzandolo ma la stanza resta comunque a disposizione della badante per il resto del preavviso, per permettere alla badante di trovarsi un'altra sistemazione

    RispondiElimina
  4. C'è sempre più gente che vuole licenziare.
    Basta badanti straniere che vogliono imporre cultura e loro usanze. Siamo italiane prendiamoci le italiane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, se lei conosce tante che vogliono fare un lavoro di genere!!!!!!????

      Elimina
    2. presto anche gli italiani e le italiane torneranno a fare lavori poco qualificati.
      Quando il frigorifero è vuoto per riempirlo va bene qualsiasi cosa.

      Elimina
    3. ha ha.....mi fa ridere......mai visto una italiana stare carcerata 24 sul 24 ...........

      Elimina
    4. chi non sa cosa mangiare va anche in galera pur di avere pasti regolari

      Elimina
    5. vedi le italiane a fare questi lavori?
      sono le stranieri le fesse che rinunciano le domeniche e le feste perché le italiane non vogliono saper dei loro genitori:.....

      Elimina
    6. ma cosa stai dicendo? Quando si prende una badante è solo per mantenere il proprio lavoro e poi ci si fa feste e ferie coi propri genitori. Noi non lavoriamo di Domenica? Ma secondo te le commesse/cassiere dei supermercati per esempio sono tutte straniere?

      Elimina
  5. ci sono straniere peggio delle "italiane" e italiane peggio delle "straniere". Straniere o italiane sempre di persone si parla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma qui si pare che si parla delle bestie non di persone,quando si parla di straniere......

      Elimina
    2. no, secondo me si parla di badanti. Se poi ci sono poche italiane disposte a fare sacrifici è un altro problema. Credo si parli di straniere solo perché ci sono molte più straniere che italiane disposte a fare questo lavoro. Nulla vieta di accettare solo lavori a ore.

      Elimina
  6. una straniera non ha nulla da perderci torna al suo paese. Una italiano non può essere espulsa, se sgarra paga la pena qui.

    RispondiElimina
  7. Conosco brave straniere e brave italiane. Generalizzare non sempre aiuta a fare le scelte giuste. La persona che entra in casa va assunta considerando esigenze proprie ma soprattutto dell'assistito e non sempre si trovano persone adatte al posto dove si abita.

    RispondiElimina
  8. E se la badante rifiuta di firmare o di riceverla per posta?

    RispondiElimina
  9. non è che uno/a può rifiutarsi di ricevere un documento si procede alla liquidazione e con scritto lettera consegnata ma il dipendente rifiuta di accettarla. In un'azienda allora perchè un operaio rifiuta il licenziamento non lo si licenzia più?
    Non succede nulla la pratica va avanti comunque.
    Finiti i denari è finito il tempo di preavviso tutto è fuori

    RispondiElimina
  10. ma se una non fa lavoro ma solo fa presenza come si scrive il licenziamento?

    RispondiElimina
  11. Chi accompagna, supporta, fa compagnia, fa comunque un lavoro, che può essere compensato anche solo con alloggio e vitto (alla pari). La lettera di licenziamento non fa riferimento ad uno specifico determinato lavoro, ma solo ad una prestazione ritenuta non più necessaria dal datore di lavoro (assistito o chi per esso).

    RispondiElimina
  12. Un blog sui contratti con le badanti dove la maggioranza legge come disfarsene fa paura

    RispondiElimina
  13. la cosa tragica delle badanti e di questo blog che dovrebbe unire è che tutti vogliono sapere come licenziare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. viene da chiedersi come mai no?

      Elimina
  14. e se la badante non se ne vuole andare?
    Si perchè vedo che tra gli argomenti di maggior interesse di questo blog, c'è "come licenziare" e non come assumere.

    RispondiElimina
  15. e che fa in una casa dove non prende soldi sarebbe come un operaio che non vuole uscire dalla fabbrica

    RispondiElimina
  16. bastano due parole "sei licenziata" e non si deve dare spiegazioni a nessuno

    RispondiElimina
  17. la miglior lettera di licenziamento è non assumere nessuno che tradotto vuol dire non prendersi mai rogne conclamate

    RispondiElimina
  18. Ecco appunto, prendetevi le italiane.
    Il problema è che le italiane non si fanno sfruttare 24 ore su 24. Per fare lo stesso lavoro dovreste pagare almeno tre persone che si danno il cambio e così vi verrebbe a costare 5000 euro al mese minimo.
    Invece da bravi mafiosi e sfruttatori preferite le straniere, le rinchiudete in una casa finchè vi servono, le fate mangiare con quattro porcherie, e poi quando il vecchio è passato a miglior vita e la schiava non vi serve più, un bel calcio nel culo e "fora dai ball".
    Complimenti a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mafiosi e sfruttatori? Perché venite in Italia a lavorare? Con uno stipendio mantenete 4 famiglie e i soldi che vi diamo non vi bastano MAI ! Ci sono badanti che si fanno pagare da altre connazionali per un posto di lavoro!

      Elimina
    2. ci sono famiglie per bene che hanno delle esigenze,chi viene a lavorare dopo un po' si sente sfruttato e fa il minimo sindacale,però vuole la camera grande ,il bagno privato ,mangia pranzi e cene cucinate da altri,con la scusa che non sa cucinare.....anche le italiane a volte hanno più pretese con la scusa che hanno la casa propria vorrebbero dormire fuori tre notti.

      Elimina
  19. E' come mettersi a discutere che gli Agnelli fanno soldi sfruttando i lavoratori che costruiscono la Panda e quando il modello non tira più si chiude la fabbrica.
    Gli italiani non trovano più nessun lavoro perchè vogliono solo lavori d'ufficio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. completamente falso e retorico

      Elimina
  20. Non vi preoccupate, che di italiane disposte a fare le badanti ce ne sono tante, come quelle che ad esempio lavorano nelle case di riposo per 800 euro al mese.
    Solo che in casa di riposo fanno le loro brave 8 ore e poi sono libere, e non si farebbero mai rinchiudere in una casa per 24 ore.
    Quindi non diciamo che gli italiani vogliono solo lavori d'ufficio perchè non è vero.
    Quante donne italiane fanno le pulizie a ore o le baby sitter, o anche le badanti?
    Ma a ore, non ridotte in schiavitù!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente...ma vede nelle case di riposo etc..non si riesce a spillare soldi e firme di concessioni agli anziani...per quello le badanti straniere si attaccano alle case di proprieta' privata

      Elimina
  21. Non riesco a capire tanto accanimento contro gli "eredi"? Conosco situazioni dove le badanti si sono sposate il ricco anziano in barba agli "eredi". Il lavoro dell'infermiera o dell'assistente familiare lascia tanto spazio allo spillare soldi all'anziano in tutti i modi. Conosco un'infermiera del PioX° che aveva l'abitudine di seguire extralavoro i malati terminali (quelli proprio terminali terminali, era premurosissima e lavorava in oncologia guarda caso) credo adesso abbia i suoi bei 5 o 6 appartamentini e nemmeno tanto in periferia e se ne freghi del fatto che questa cosa sia venuta fuori in direzione e sia stata allontanata dall'ospedale.
    Se le persone non vogliono fare la badante, facciano la parrucchiera o continuino a fare le colf a ore, a lavorare nelle case di riposo, o come baby sitter. Rode per caso qualcosa???
    Perchè andare a pulire dei vecchi in casa d'altri, magari con uno stipendio da fame e senza guanti?

    RispondiElimina
  22. non va motivato nulla quindi una lettera che abbia chiaro il giorno in cui il licenziamento è stato comunicato basta e avanza.
    Ci si può anche mandare a casa una raccomandata con ricevuta di ritorno. Se la badante non vuole ritirarla è peggio, perchè vuol dire che nemmeno è presente al lavoro e quindi perde anche il preavviso perchè si licenzia con le sue mani.

    RispondiElimina
  23. ho visto che ci sono più persone interessate a licenziare che a nmantenere un rapporto ma allora come ci si deve tutelare dalle cattive sorprese?

    RispondiElimina
  24. meglio sapere prima di assumere se una badante ha residenza e un posto per andarci a passare la Domenica e la mezza giornata di libertà, altrimenti ve la ritrovate in casa anche durante le ferie, il Sabato, la Domenica e i giorni di malattia e gli dovete anche far da mangiare e portare la colazione a letto.

    RispondiElimina
  25. e se a licenziarsi è la badante chi manda i documenti a comune e Inps?

    RispondiElimina
  26. Fulvio (consulente del lavoro)16 novembre 2011 17:34

    Li manda sempre il datore di lavoro, la badante (dipendente) basta che scriva su un foglio dal giorno X/x/x mi licenzio, rispettando il preavviso di una settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera,Fulvio!potrebbe dirmi se la lavoratrice domestica (tale da contratto) appena assunta, convivente, con 15 gg di lavoro e 18 di malattia ha diritto, "dopo aver superato il periodo di comparto", ai 15 giorni di preavviso retribuiti? e se allo scadere della mutua ci fosse una proroga, posso spedirle la lettera di licenziamento? quando spedirgliela? grazie

      Elimina
    2. Il punto è questo fino a 6 mesi i giorni di malattia possibili sono 10 se si va oltre è come assentarsi dal lavoro e il licenziamento è in tronco per giusta causa, cioè da contratto. Per giusta causa non c'è preavviso.

      Elimina
    3. Dopo tre giorni di assenza oltre il limite si ritiene concluso il lavoro quindi dopo 13 giorni (10 +3) dall'inizio della malattia. La badante può prorogare la malattia per anni, ciò non toglie che finiti i giorni di diritto per la conservazione del posto di lavoro il posto si è "sconservato".
      I 15 giorni valgono in caso di licenziamento NON MOTIVATO

      Elimina
    4. vi ringrazio per l'attenzione.
      siete stati molto eloquenti.

      Elimina
    5. non abbiate paura ... a licenziare02 febbraio 2012 14:07

      se una se ne sta in malattia tutta la vita non è una dipendente statale in automatico e quindi avente diritto di abitazione in casa del presunto assistito. Dopo 10 giorni (con anzianità minore di 6 mesi) se ne torna a casa sua e se è il caso gli si fa pagare anche il deposito illecito del suo vestiario se non passa a ritirarlo.
      La residenza è data in quanto luogo abituale dove in quel periodo ci si ritrova ad abitare, è logico che se il lavoro viene meno, il luogo dove ci si trova ad abitare dalla fine del lavoro in avanti è un altro, tipo: sotto i ponti, alla stazione, all'ospedale, all'opera San Vincenzo ecc. e si diventa persone senza fissa dimora (senza residenza).

      Elimina
  27. una badante licenziata16 novembre 2011 21:01

    Se la badante si licenzia prima di prendere i soldi aspetta la prossima vita gli conviene farsi licenziare.

    RispondiElimina
  28. Ho il sentore che la mia badante stia mettendo in atto comportamenti per "farsi licenziare". Il rapporto non può più proseguire però Non ho capito...... a lei, cosa cambia, se la licenzio io o si licenzia lei? Io sto aspettando il momento opportuno per organizzarmi ma lei, secondo me, non è affatto dispiaciuta e mi vuole indurre al licenziamento.

    RispondiElimina
  29. Non cambia molto. Se la badante viene licenziata ha diritto ad un periodo doppio di preavviso 15 (massimo 30) giorni (se viene licenziata) anzichè 7 (massimo 15) giorni se si dimette. I giorni sono pagati ma sono anche da lavorare. Se tutto è regolare non cambia praticamente molto. Tutto il resto va comunque pagato: ferie non godute, TFR, quota di tredicesima spettante.
    Può capitare che la lavoratrice tenda a tenere alta l'opportunità della sua presenza, familiare all'anziano, solo per avere un aumento di stipendio o migliori condizioni di orario.

    RispondiElimina
  30. Buongiorno, anche la mia badante sembra stia facendo di tutto per farsi licenziare: oppone minacce di cause legali ma non se ne vuole andare. Mi domando che cosa ci guadagna a farsi licenziare e non a dare lei le dimissioni.
    I 15 giorni di preavviso non sono uguali sia che la licenzi io o si licenzi lei? Che differenza c'è? Se si licenzia lei quindi è dovuto lo stesso il pagamento del preavviso?
    Grazie mille.

    RispondiElimina
  31. se si dimette la dipendente, l'unica differenza, è che il datore di lavoro paga metà del preavviso che il datore di lavoro stesso dovrebbe pagare se fosse lui a licenziarla. 7 giorni anzichè 15. Cambia poco, e non ci sono azioni legali che tengano.

    RispondiElimina
  32. mia padrone due figlie e loro mama voiono chi io lavori sempre attenta da 7 di matina a 10 di sira. Mangio in cucina in anghilo e loro mangia in camera di pranso. Questi è un lavoro di schiavi ansi nianche i schiavi fano. Mi fano contrato di 25 ori e danno me 800 al mese e sempre fano paura di licensiarmi perchè io bisogna permesso di sogiorno. noi di oldav no uguali a altri di Rumani.
    Io stanca distrutta mai ferie e una sola ora giorno per ripusari. Questi a Italia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma non dire cavolate !!!!

      Elimina
    2. tesoro se non sei contenta tornatene a casa tua

      Elimina
    3. Siete due anonimi squallidi. Questa persona patisce , la fanno mangiare in un angolo e le dite di tornare al suo paese. Andateci voi a quel paese!!!!
      sono una 20 ITALIANA che andra' a fare la badante convivente per due anni. So di che frustrazione si parla. Per chi si improvvisa saggio dando queste risposte banali, scontate e stupide....chiudete la bocca e vergognatevi. Siete degli ignoranti

      Elimina
  33. dove lavoro io, il capofficina ti sta sotto 4+4 ore e non ti molla dalla linea.
    Una badante non è in catena e in catena le macchine non aspettano.
    Un anziano può aspettare, al massimo la fa nel pannolone.

    RispondiElimina
  34. Per i lavori di fiducia, basta che venga a mancare la fiducia per essere giusta e valida causa. Si licenzia e basta. Senza timori. La cosa importante è essere in regola prima e allora tutto è regolare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quanti sono in regola? la magior parte danno libero alle badante solo 12 ore alla settimana.se guardate le offerte di lavoro,che sono centinaia che cercano badante,tutti dicono un giorno di riposo alla settimana,o anche senza. nn siamo mica le macchine,anche quelle qgni tanto si rompono.poi nn abbiamo nemmeno il diritto di ammalarci.vi rendete conto che stando 24 sul 24 con una persona fuori di testa,si arriva pegio di lui? mi è già capitato,sono scappata subito che altrimenti finivo male

      Elimina
    2. non conosco i problemi degli altri ho una badante in regola 54 ore settimana viene il Lunedì a mezzogiorno e va a casa quasi sempre il Venerdì pomeriggio, solo qualche volta il Sabato a mezzogiorno e tutti quelli che conosco più o meno hanno badanti che fanno gli stessi orari però qui siamo in Lombardia, da altre parti non so e magari ci sono eccezioni

      Elimina
    3. la mia badate si fa la 6 ore fuori la sera di giovedì e il sabato alle due va a casa e si ripresenta il lunedì mattino alle 7 se il treno non porta ritardi.

      Elimina
    4. avevo una badante che faceva si e no sei ore di lavoro al giorno (mattina e sera cucinavo e sistemavo io mia madre lei faceva presenza e cucinava a mezzogiorno le pulizie le facevo io la Domeniuca.
      La tenevo in casa perchè una sua non l'aveva.Se ne stava fuori la sera fino a quando voleva nemmeno mi serviva perchè sono sempre stata in casa io salvo due giorni in due anni.
      la pagavo 30 ore convivente quindi in regola. Quando mia madre è morta mi ha fatto una vertenza per 15.000 euro perchè ha detto che le ore che faceva a casa mia erano 24 e il giudice le ha dato ragione.
      Non portatevi in casa nessuno. Stanno tutte buone e poi vi pungono del peggior veleno il tradimento della fiducia che voi avete dato loro.

      Elimina
  35. la badante quasi mai è una soluzione perché ci si improvvisa badanti per necessità e non per scelta. Quasi sempre il lavoro di badante è una scelta obbligata per sopravvivere ancora un po' in attesa di tempi migliori

    RispondiElimina
  36. quando un lavoro è molto richiesto si parla spesso di assunzioni se qui si parla solo di licenziamenti vuol dire che qui ci sono troppi datori di lavoro e poche badanti ma soprattutto che la maggior parte delle lavoratrici che questo mercato offre non sono tecnicamente e psicologicamente preparate a questo lavoro.
    Fare la badante sembra facile ma occorre pazienza e grande spirito di adattamento e spirito di sacrificio, altrimenti è meglio provare con qualche altro tipo di lavoro. Fare la badante non vuol dire solo fare compagnia e lavare il pavimento un giorno si un giorno no.

    RispondiElimina
  37. quali sono i motivi leciti per licenziare la badante?

    RispondiElimina
  38. La mancanza di fiducia li riassume tutti. Comunque non sono necessari. I lavori di badante, colf, custode possono essere risolti senza motivazioni in qualsiasi momenti dalla badante o dal datore di lavoro.

    RispondiElimina
  39. Basta scrivere dal giorno tot sei a casa e tutto è finito. Questo è un lavoro dove non si devono spiegazioni a nessuno.

    RispondiElimina
  40. con la mia ho fatto così però lei da casa non vuole muoversi e dice che occorre l'ordine di sfratto

    RispondiElimina
  41. ma cosa dici? La casa non è locata tu non prendi un affitto la casa era li perchè c'era convivenza. Che sfratto e sfratto non esiste quella regola. Ti dice così per metterti paura ma non c'è quella regola.

    RispondiElimina
  42. Purtroppo chi ha bisogno del permesso di soggiorno come moldavi, ucraini, indiani, egiziani, tunisini, marocchini, algerini, libici , pakistani ecc.
    è più ricattabile

    RispondiElimina
  43. Facile a dirsi, meno facile a farsi. Gli stranieri non accettano regole dalla polizia, figurarsi da una famiglia. Si ottengono più risultati non pagando e piantonando la casa e stressando la badate come ho fatto io. :-)

    RispondiElimina
  44. le persone dipendenti di una famiglia non devono firmare un licenziamento devono solo firmare che ricevono la lettera. Il licenziamento non è che si può accettare o rifiutare. Per i lavoratori domestici dopo il periodo di preavviso non c'è più niente. Così è la legge. Non si può fare ricorso. Non si tiene nella propria casa nella propria intimità una persona sgradita. Non c'è legge che tenga. Primo la difesa della proprietà e del proprietario poi tutto il resto.

    RispondiElimina
  45. Se una ha un lavoro lo molla così, senza fare resistenza?

    RispondiElimina
  46. Non esiste.
    Non c'è resistenza che tenga.
    Stiamo parlando di lavoratori domestici, di persone dentro casa, di mansioni dove occorre la massima fiducia. Stiamo parlando di persone che sono dentro la nostra privacy.
    Vai a dire a una badante che gli vuoi entrare nella sua auto a tutti i costi e poi vediamo cosa ti risponde.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che cavolo di discorsi fate??? Io sono una ragazza di origini albanesi cresciuta in Italia, ho finito il liceo socio psico pedagogico e nonostante l'ottimo risultato alla maturità 95/100 mi trovo in questo periodo di crisi a fare la badante... È un lavoro impegnativo e stressante ti trovi con persone che hanno difficoltà a gestire le emozioni, il nervosismo e la rabbia... Hanno i loro momenti di delirio per colpa dell'alzhaimer accompagnato a disturbi di tiroide... Sono arrabbiati con il mondo perché le loro famiglie si fanno vedere ogni tanto giusto per far capire chi comanda e giusto per far innervosire gli anziani... E come pensate che reagiscono questi ultimi??? Sfogano la loro rabbia e frustrazione sulle badanti!!! Ma come siete messi??? Provate a fare voi questo lavoro, poi parlate!!! È stata troppo carina la vita con voi

      Elimina
  47. Se una ti si piantona in casa come la metti fuori?

    RispondiElimina
  48. Voi state scherzando. Se una persona è licenziata non è più parte della famiglia. Se hai un intruso in casa cosa fai? Te lo tieni o chiami i carabinieri?
    Adesso non vorrete dirmi che ha più diritti un ladro o anche semplicemente un vicino del legittimo proprietario dell'alloggio? Non stiamo parlando di case date dal comune a prezzi stracciati da graduatoria, stiamo parlando di proprietà privata (che sia di reale proprietà o anche solo in affitto non fa differenza) perchè li una badante non dovrebbe esserci per mancanza di risorse.
    Non fa nemmeno differenza se la badante ha residenza li perchè residenza non è né domicilio né tantomeno proprietà.
    Smammare e basta. Non ci sono diritti riconosciuti da nessuna legge, giudice, sindacato, sentenza precedente ecc. ecc.

    RispondiElimina
  49. Adesso costa licenziare, circa 500 euro all'anno, quasi un secondo Tfr. Bisogna stare attenti ad assumere, ancor di più a licenziare.

    RispondiElimina
  50. Il governo Monti ha rimpinguato solo le casse dello stato per elargire fondi ai politici. Sarebbe bastato un qualsiasi caporale per far meglio.
    Qui ci tocca pagare in continuo, ci dicono di essere onesti mentre ci derubano.

    RispondiElimina
  51. la cosa più importante non è come si scriva la lettera di licenziamento (comunque la si scriva va sempre bene) ma stare attenti ai preavvisi essere sicuri che la badante ne abbia presa visione (esempio firma per ricevuta o ricevuta di ritorno postale e poi comunicare per tempo all'Inps la cessazione del rapporto di lavoro.

    RispondiElimina
  52. comunque la si scriva la badante si ribellerà e non sarà come licenziare un italiano in fabbrica. Il giorno dopo avrete tutti i sindacati alle costole

    RispondiElimina
  53. la lettera di licenziamento non basta, occorre fare le giuste comunicazioni anche all'INPS, e poi il problema è un altro, le badanti stanno tutte male ma senza lavoro stanno peggio, quindi anche senza lavoro e senza stipendio non se ne vogliono andare.

    RispondiElimina
  54. Ma quando ci prendiamo cura dei vostri genitori e la facciamo con il il cuore, perche siete ingiusti? Cercate allora delle done italiane per fare ' sto lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si hai ragione io ho assunto una italiana

      Elimina
    2. Basta con queste storie. Voi vi prendete a cuore solo i nostri bancomat

      Elimina
    3. Sarebbe come dire che un muratore si affeziona ai muri che fa e non allo stipendio

      Elimina
    4. sempre visto solo persone interessarsi ai soldi dell'anziano che per le badanti è una banca aperta mentre per i figli è un genitore

      Elimina
    5. DA VERO, ma si desidera avere schiavi in casa. Il reddito di genitori vostro puo essere il tuo profitto, nella misura in cui essi personalmente curato da te. Se non, hai in grado di paga qualcuno. Questa è la regola. Ma... Non fare furbo solo per tuo favore, E non incontrerete le modifiche da noi.
      "Ogni difendere i loro interessi"
      ACCETTO anche che fare "schiavàccio" Ma solo in questa versione: una spiegazione , Vocabolario on line dice cosi; Schiavo (4. s. m. (f. -a) region. ant. Forma ossequiosa di saluto (v. ciao) di origine veneta: Amici, vi sono schiavo (Goldoni); s. suo, s. vostra; anche assol. schiavo!, spec. in segno di deferente commiato.
      5. agg., ant. Slavo, della Slavonia: Sì come neve tra le vive travi Per lo dosso d’Italia si congela, Soffiata e stretta da li venti schiavi (Dante). ◆ Dim. schiavétto (v.); accr. schiavóne (v.); pegg. schiavàccio.)

      Elimina
  55. non vengo da queste parti da quasi un anno, ma vedo che questo è ancora l'argomento più gettonato. E' sempre difficile controllare & valutare una persona che ci lavora in casa

    RispondiElimina
  56. SALVE SIAMO DISPERATI, ABBIAMO UNA BADANTE PER MIA NONNA,ALL'INIZIO SI COMPORTAVA BENE , PULITA, CORRETTA E PROFESSIONALE, DOPO UN PO' DI TEMPO è DIVENTATA SCONTROSA E MALTRATTA VERBALMENTE La nonnA, ORA PER TANTE COSE NOI INCASSAVAMO IN SILENZIO SOFFRENDO DENTRO, ORA QUESTA PERSONA CI HA PROVATO CHIEDENDOCI DI ESSERE LICENZIATA E POI RIASSUNTA, OVVIAMENTE LA NOSTRA RISPOSTA ERA DI NO.ALL'OGGI CI TROVIAMO DAVANTI UN BIVIO PERCHE' NONSTANTE SIA STATA MESSA IN REGOLA QUESTA CI MINACCIA CHE VUOLE IL LICENZIAMENTO NONOSTANTE VOGLIA ANDARSENE LEI.....SIAMO DISPOSTI ANCHE A DARGLIELO PURCHE' VADA VIA, LA MIA DOMANDA SORGE DA UN GROSSO DUBBIO, QUESTA PERSONA SICCOME ABBIAMO SAPUTO CHE UNA LUDOPATICA L'ABBIAMO SCOPERTA ANCHE PERCHE' CI CHIEDE SOLDI IN CONTINUAZIONE........POTREBBE IMPUGNARE UN LICENZIAMENTO FINTO? LA NOSTRA PAURA E CHE POTREBBE FARCI IN QUALCHE MODO UNA CAUSA DOPO AVER PERCEPITO I MESI DI LICENZIAMENTO, COME POSSIAMO DIFENDERCI? C'è UN MODO CHIARO E EFFICACE DI LICENZIAMENTO IN MODO TALE CHE NON POSSA FARCI CAUSA MALGRADO SIA IN REGOLA? ATTENDO RISPOSTA, GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Italianovero, mi spiace per la situazione...comune a milioni di Italiai purtroppo. L'unico modo per risolvere in fretta questa situazione e' non assumere queste persone. Cioe' non assumete mai piu' rumene e etnie simili, ma rivolgetevi solo ad italiani. Non per maggiore onesta' di questi ultimi, ma perche' non sono protetti come lo sono gli stranieri (che umiliazione da parte del nostro Stato) ai quali e' stata data carta bianca su residenze e diritti vari. Italiano vero rivolgiti ad un avvocato del lavoro per capire bene cosa devi fare, intanto fai anche un giro agli uffici urp della tua citta'. In bocca al lupo, se ti va fammi sapere.

      Elimina
  57. SALVE IO SONO SENTA LAVORO DA 7 MESI, IN QUESTA TEMPO IO NON HO TROVATO DA LAVORO GIUSTO. TUTTI VOLEVE DARE LAVORO SENZA CONTRATTO. E LE PAGAMENTI SONO NE MENO esempio: adesso abbiamo trovato un'offerta otto giorni, ma non un contratto mi vuole pagare € 200 per 24/24 e non libero,.Ho proposto di pagarmi il "buoni voucher" che deve fare in questa caso?

    RispondiElimina

Quando un singolo post ha oltre 200 commenti, quelli eccedenti i primi 200, non vengono subito visualizzati. Per leggerli tutti è necessario cliccare qui sopra (quando viene inserito) il link:
"Carica altro..."